Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Mezzi pubblici gratuiti,
il Ticino ci pensa ma...
L'INCHIESTA

Il Ticino batte tutti
sugli interventi al cuore
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Fracno Zantonelli

Naturalizzarsi ma...
un po' sportivamente
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Guido Olimpio
Chi è
Si occupa di terrorismo internazionale e Medio Oriente, lavora al "Corriere della Sera" come inviato negli Stati Uniti
Dopo le bombe sulla Siria il canto della vittoria. Donald Trump, ripetendo l’infausta espressione di Bush, ha parlato di "missione compiuta". Il Pentagono ha sostenuto che il programma chimico siriano è stato rimandato indietro di tre anni e ha avvertito: "Siamo pronti a colpire ancora". E se gli Usa mostrano i muscoli, Vladimir Putin si è affrettato ad ammonire Washington sui rischi, parlando di una "aggressione degli Usa e dei suoi alleati". Al Palazzo di vetro dell’Onu il suo rappresentante, Vasily Nebenzya, ha rincarato la dose protestando duramente. Assad, poi, ha diffuso video tranquillizzanti, a sottolineare che il blitz non lo ha neppure scalfito o impensierito. La Francia, secondo tradizione, ha sottolineato l’impegno delle sue forze militari. Insomma tutti hanno vinto, tranne gli oppositori della dittatura, chiaramente delusi dalla portata ridotta della punizione decisa da Washington. Avrebbero voluto di più.
Nella notte tra venerdì e sabato, come ormai era atteso, un dispositivo alleato, composto da Usa, Francia e Gran Bretagna, ha preso di mira una serie di installazioni militari in Siria, compresi tre centri che erano usati da Damasco per sviluppare i gas. Ritorsione dopo il massacro di Douma, con decine di civili soffocati da sostanze tossiche. Gli impianti colpiti erano stati peraltro evacuati e la Russia - secondo diverse fonti - avvertita. Comunicazione diretta per evitare il coinvolgimento dei soldati russi, circostanza che avrebbe alla fine potuto innescare una risposta bellica.
Anche questo è l’esito di un lungo dibattito. Mentre il presidente statunitense alzava i toni via twitter facendo pensare ad una mazzata massiccia i suoi generali predicavano prudenza. Trump avrebbe chiesto all’inizio un’operazione estesa, ma il segretario alla Difesa Mattis - l’uomo che fa da moderatore agli eccessi di The Donald - ha insistito sulla necessità di limitarsi ad una missione "mirata", ridotta nei tempi e nelle dimensioni. Scelta saggia al fine di evitare una conflagrazione globale. Posizione che il responsabile del Pentagono mantiene sin dal primo giorno del suo incarico. Non è certo un debole, bensì un professionista consapevole dei rischi. Già un mese fa aveva espresso il suo no quando la Casa Bianca aveva contemplato la possibilità di uno strike. Una macchina da lavoro, poco abituato a sprecare parole: non a caso lo chiamano "il monaco".
Seguendo questa traccia il terzetto alleato ha lanciato oltre un centinaio di missili usando navi e aerei, dai bombardieri B1 ai Tornado della Raf. Gli inglesi si sono "dedicati" ad una installazione nel settore di Homs. Americani e francesi agli altri target. L’alto numero di ordigni risponde a due necessità: creare il maggior danno possibile, saturare le difese avversarie. Tra qualche giorno capiremo meglio gli esiti, visto che i russi sostengono che la maggior parte dei cruise sono stati intercettati. C’è ovviamente una partita propagandistica dove ognuno vuole mettere in difficoltà l’altro. E questo riguarda anche la responsabilità del dramma di Douma con i contendenti che si scambiano accuse. Sul luogo dovrebbero recarsi presto gli ispettori internazionali anche se la loro indagine non sarà facile. Infine la valutazione più generale. Quanto è avvenuto in queste ore è parso un pericoloso show, dove ognuno ha interpretato una parte. A cominciare dal principale protagonista, Donald Trump, certamente troppo loquace e che in qualche modo, con i suoi moniti, si è legato le mani. In Siria restano tutti i nodi della crisi: le vittime tra i civili, le distruzioni, i profughi, il settarismo, la repressione, il pericolo jihadista e la mancanza di un futuro.
Non solo. La presenza massiccia di forze straniere, con parti del Paese sottratte al controllo del regime, è una mina potente. La prossima sfida riguarderà l’Iran che mantiene in Siria più di un piede e vorrebbe usare questa "base" per premere su Israele. Gerusalemme ha detto che non lo permetterà.
15-04-2018 01:00


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Raid in Siria:
l'opinione
del generale
Trinquand

Siria:
Usa attacca,
Damasco festeggia