Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Luigi Bonanate
Chi è
Luigi Bonanate è saggista, docente di scienze politiche all'università di Torino, esperto in relazioni internazionali.
Non è argomento per dibattiti politici il soccorso ai naufraghi, ai migranti clandestini, agli affamati, perché gli esseri umani condividono la stessa natura la quale li ha distribuiti in modo diseguale e casuale su tutto lo spazio del pianeta-terra. Non per questo non esistono differenze, diversità e singolarità, ma esse non sono state volute dalla natura ma dalla storia plurimillenaria dell’umanità. Uguali ma diversi, siamo destinati a incontrarci gli uni con gli altri e a mescolarci. Siamo di fronte a eventi che nessuna ideologia, nessun partito politico in nessun Paese potrà mai fermare o ribaltare.
Il primo racconto di questa storia lo fece 3.000 anni fa Omero, che narra nell’Odissea, la vicenda del primo migrante, o profugo, della storia. Odisseo, sbattuto dalla tempesta che aveva affondato la sua nave e annegato i suoi compagni, giace su una spiaggia, svenuto, spossato, affamato e ormai reso incosciente dalla paura. Sarebbe destinato a morte sicura se non fosse che la bella e giovane Nausicaa, figlia del re dei Feaci, invece di chiamare i suoi servitori per farlo arrestare o eliminare, lo compatisce, lo soccorre, lo aiuta, lo affida alla casa paterna affinché sia ristorato prima di potersene tornare in patria.
Se quella era una favola, tale e quale è la realtà che vive invece il mondo di oggi e che noi ci siamo abituati a osservare dagli schermi televisivi, dove scene assolutamente simili si ripetono ogni giorno, con la sola aggravante del numero dei morti e degli annegati. Ciò ci ricorda che le crisi migratorie sono una variabile storica inarrestabile, e in secondo luogo che il soccorso non può aspettare l’esito delle elezioni o affidarsi alla propaganda politica che nei nostri Paesi rischia di disarticolare la correttezza dei dibattiti politici. Una buona soluzione non è stata ancora trovata, ma non sarà l’esito delle elezioni in Italia a dare all’uno o all’altro vincitore la capacità di imporla: chi fugge ha mille ragioni per farlo, chi li accoglie non ne ha nessuna per rifiutarli. Basta pensare che lo stesso destino avrebbe potuto buttare noi, a mare, invece di loro.
I movimenti di popolazioni, le migrazioni, la fuga dall’oppressione, dalla fame o dalle epidemie si sono ripetuti nei secoli e hanno di solito segnato dei momenti di trasformazione storica immensi. Noi stiamo vivendo uno di questi: anche senza voler pateticamente mettere in campo i buoni sentimenti o la beneficienza pura e semplice, dobbiamo abituarci all’idea che si tratti di fenomeni inarrestabili con i quali noi - e loro - dobbiamo convivere. Non sono in gioco razze, che del resto non esistono (come l’antropologia ha già dimostrato da decenni; le differenze dipendono dalla geografia, non dalla natura), né politiche di potenza. Non dovremo neppure accontentarci di predicare i buoni sentimenti, ma semplicemente chiederci se a questi movimenti sia preferibile una qualche grande guerra che, uccidendo diversi milioni di esseri umani, ridurrebbe la pressione demografica alle nostre porte.
L’idea stessa di società è evoluta nei millenni e la politica esiste proprio a questo fine: cercare di contemperare fortune e sfortune, riaggiustare differenze e redistribuire risorse. Un esempio imbarazzante danno Polonia e Ungheria, che sono state ammesse (con altri Stati) nell’Unione europea nel 2004: da allora le loro condizioni economiche, le chances di vita, la mobilità sociale e il benessere sono migliorati straordinariamente. Senza chiedere loro di rinunciare alla nuova fortuna, non possiamo però accettare che essi (e altri Stati) fingano di non sapere, di non potere e di non vedere. Tutti siamo consapevoli di essere su una sola e stessa scialuppa di salvataggio. Alla lunga, la fortuna arriderà a o tutti o a nessuno. Tocca a noi deciderlo.
11-02-2018 01:00


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue