Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Mezzi pubblici gratuiti,
il Ticino ci pensa ma...
L'INCHIESTA

Il Ticino batte tutti
sugli interventi al cuore
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Fracno Zantonelli

Naturalizzarsi ma...
un po' sportivamente
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Mariarosa Mancuso
Chi è
Saggista, critica cinematografica, ha studiato filosofia e scrive di cinema per la Rsi. Lavora per Il Foglio sin dai primi numeri e ha tradotto i racconti di Edgar Allan Poe.
Fotografa il degrado morale. La frase ricorre nelle recensioni dei film cupi, meglio evitarli il sabato sera. "Godless" di Ralitza Petrova - giovane regista bulgara vincitrice del Pardo d’Oro al Festival di Locarno - fotografa appunto il degrado morale. Di un’infermiera che accudisce gli anziani e intanto si appropria delle loro carte di identità, per loschi traffici. Una vecchietta resiste al furto, e viene sistemata a dovere. Qui finisce il delitto e dovrebbe cominciare il castigo - la Russia non è tanto lontana, anche in Dostoevskij c’era di mezzo una vecchietta. Solo che il film sembra disfarsi sotto i nostri occhi, mentre l’attrice non cambia mai espressione (si chiama Irena Ivanova, l’hanno premiata nella categoria "migliore interpretazione femminil"e: sono le performance stuporose che i cinefili da sempre prediligono).
Fotografa il degrado morale, dunque. E fa sembrare "Inimi Cicatrizate" (titolo internazionale "Scarred Hearts", cuori feriti) di Radu Jude - premio speciale della giuria - un film pieno di vita e di ottimismo. Eppure il protagonista soffre di tubercolosi ossea, e appena dopo i titoli di testa viene ingessato dal collo alla vita. Neanche parliamo della prognosi, tremenda, e del fatto che nessun dettaglio dei sanatori rumeni degli anni Trenta ormai ci sfugge, dalle barelle alle sale operatorie agli anestetici (pochi, urlano tutti come matti). È la vita di Max Blecher, ebreo rumeno apprezzato dai surrealisti, e dai più audaci paragonato a Kafka.
Palmarès tutto europeo. Dell’Est, sembra di essere tornati agli anni ‘70 quando a Locarno arrivavano i film da oltre cortina. Il premio come migliore attore è andato a Andrzej Seweryn per "Ostatnia Rodzina" del polacco Jan P. Matuszynski (titolo internazionale "The Last Family"). Altra storia vera, della famiglia Beksiński: padre pittore, figlio matto e traduttore dei Monty Python, anziane a carico (della madre, priva di smanie artistiche). Curioso ma sgangherato, sembra non cominciare mai.
Nulla, finora, che si possa consigliare a spettatori in cerca di un bel film. Se sta per scattare l’obiezione "ma è arte, qui si premia il cinema d’autore", un ripasso alla storia del cinema serve per dimostrare il contrario. E un ripasso alla "Poetica" di Aristotele serve per riprendere confidenza con la catarsi, anche in casi di degrado morale. Per completare il disastro, premio per la regia a Joao Pedro Rodrigues, regista di "O ornitologo". Delirio portoghese su Sant’Antonio (da Lisboa, prima che da Padova). Il tipo di film che esiste solo nel circuito chiuso dei festival e nelle chiacchiere dei critici duri e puri ("Il riapprendimento dell’arborescenza che è in noi" abbiamo letto su Internazionale). Sembra uno scherzo, o una parodia. Era il Festival di Locarno anno 2016.
14-08-2016 01:00


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Raid in Siria:
l'opinione
del generale
Trinquand

Siria:
Usa attacca,
Damasco festeggia