Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

FOGLI IN LIBERTÀ di Renato Martinoni
Immagini articolo
Morti morti e morti vivi
una lettera dal Tibet
Renato Martinoni


Un monaco dal Tibet mi ha mandato una lettera che a molti sembrerà strana e che per questo trascrivo senza mutare una sola virgola: "Caro amico, da quando il mondo è mondo l’uomo non fa che pensare alla morte. Perché si nasce?, si chiede. Perché si vive? E soprattutto, perché si muore? Vero è che c’è chi accoglie la morte con sollievo. E che qualcuno la morte la cerca, poveretto. La maggior parte di chi vive sulla Terra però teme la morte. Ho sentito che in certi luoghi si usano degli amuleti per tenere distante la Dama della Falce: corna di corallo, code di conigli… E che qualcuno, quando la si menziona, arriva a ficcarsi le mani in certi posti a cui il pudore sconsiglia di dare un nome.
Eppure tutto questo non serve. Meditando per decenni, in compagnia del vento dell’Himalaya, e soprattutto dopo avere parlato a lungo con gli dèi, che non li vogliono i morti con loro, ho fatto una scoperta. È vero che noi moriamo. Allora i nostri cari, piangendo, accompagnano le nostre spoglie per darci un ultimo saluto. C’è chi, singhiozzando, getta un fiore e chi, ma si può?, applaude a piene mani. Ho letto che anticamente, nelle tombe, si metteva tutto il necessario per il viaggio nell’aldilà: un po’ di cibo, un po’ di vino, un po’ di soldi. Avessero saputo, i poveracci! Quanto denaro avrebbero risparmiato…
La realtà è un’altra. Chi muore non parte. Chi muore resta. Continua a fare quello che ha sempre fatto. Se lavorava in ufficio, lavora in ufficio. Se andava a pescare, va a pescare. Se stava leggendo un romanzo, va avanti a leggere il romanzo. Chi è morto non sa di essere morto. Lo sanno solo quelli che lo hanno conosciuto e lo hanno visto dentro la bara e provano un dolore che non si può neanche dire. Chi è morto, lui, è invece certo di essere vivo. Si siede al tavolo e mangia e beve, come fanno tutti. Ama e odia. Ride a crepapelle o si arrabbia. Parla con gli amici, vede i nipoti crescere e i fratelli invecchiare. Lui però rimane uguale. Si guarda allo specchio e ha sempre gli stessi anni e la medesima faccia. I suoi cari vanno a portare dei fiori sulla sua tomba e lui è lì, in piedi, accanto a loro. Che bella giornata!, dice tutto contento. E i suoi cari rispondono (lui, almeno, la vive così): È proprio una bella giornata! Anche se ci mette tristezza essere qui! Ci manca tanto! Ma se nella nostra famiglia non è morto nessuno!, insiste lui alzando la voce. Da quando sono al mondo non ho mai visto una persona morire. La morte non c’è e la vita è eterna! Caro amico, ascolta le parole di un monaco del Tibet. Perché dobbiamo spaventarci di fronte alla morte? Guardati intorno e vedrai che i morti stanno lì. Accanto a te. Non siamo al mondo per regalarci qualche illusione?"
19-05-2019 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è