Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ritorna la grande crisi
delle case non affittate
L'INCHIESTA

Crolla drasticamente
il numero di migranti
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Una passione comune
per il sovranismo Usa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Dietro le autonomie
solo forza economica
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'agonia del Califfato
non esclude attacchi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
13.10.2017
Concorso letterario "Castelli di carta" – Cerimonia di premiazione, martedì 24 ottobre 2017, ore 18.30
13.10.2017
Aggiornata la pagina Protezione ABC con la pubblicazione dei dati statistici inerenti gli interventi del picchetto NOI nel 2016 [www.ti.ch/protezioneabc]
04.10.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 16 ottobre 2017.
28.09.2017
Pubblicati i dati statistici del passaggio di autobotti con merci pericolose sull'autostrada A2 presso Coldrerio nel 2016 [www.ti.ch/protezioneabc]
26.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2017
25.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2017
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio



LE PAROLE di Franco Zantonelli
Immagini articolo
Una passione comune
per il sovranismo Usa
Franco Zantonelli


Una voce fuori dal coro. Anzi due. Sia il consigliere federale Ueli Maurer, sia il presidente della Banca Nazionale, Thomas Jordan, apprezzano l’amministrazione Trump. La trovano più ben disposta verso la Svizzera di quella guidata da Barack Obama. Con la quale, parola di Maurer, non c’erano quasi più rapporti.
"Con il Dipartimento del tesoro - ha detto Jordan - adesso abbiamo contatti a tutti i livelli". È curioso, comunque, che due personalità tanto distanti quali Maurer e Trump possano andare d’accordo. Forse li accomuna il fatto di essere entrambi sovranisti. Non li unisce, certo, la passione per i social network. Trump mitraglia un tweet dietro l’altro, Maurer si è brevemente affacciato su Facebook, poi ha desistito. "È troppo superficiale", il suo giudizio.
***
Il Giornale del Popolo fa a polpette la figura del Che, nel 50esimo della morte, definendolo "un mito sanguinario". "Il suo volto simile a quello del Cristo - scrive il quotidiano della Curia - finì sulle barricate del maggio francese nel 1968, nelle proteste degli anarchici olandesi, nelle comunità hippy della California, nelle manifestazioni contro la Guerra del Vietnam". Adorato da un branco di fessi, vien da pensare. Irretiti da un bel tenebroso che, per il Gdp, altro non era se non un propagatore di odio.
A creare il mito Guevara ha contribuito una foto dello svizzero René Burri, realizzata nel ‘63, che ritrae il Che con il sigaro in bocca. Nei suoi ricordi Burri parla di quel rivoluzionario come di un uomo fascinoso ma freddo, la sua parte vendicativo. Ma cosa si aspettava il Gdp? Una Madre Teresa in versione cubana?
***
Continua il tiro al piccione contro Harvey Weinstein. Ogni giorno una donna punta l’indice contro di lui, denunciando le sue molestie. Maldestramente Woody Allen ha parlato di "caccia alle streghe". Secondo alcuni giornali il produttore dalle mani lunghe avrebbe imperversato anche in Svizzera ed è forse il timore di ripercussioni penali, vedi il suo amico Roman Polanski, che l’avrebbe sconsigliato di curare la sua dipendenza dal sesso in una clinica zurighese.
Ma chissà quanti piccoli Weinstein si trovano anche da noi. Viene in mente quell’ex sindaco di Baden, che inviò un selfie hard ad un’amica dal suo ufficio in Comune e che rimase imperterrito al suo posto. Ogni tanto vien fuori una statistica, che denunce e molestie in molti ambienti. Forse lo scandalo Weinstein contribuirà a farle emergere. Come è stato il caso dei preti pedofili.
22-10-2017 01:00

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Convocato
il parlamento
catalano
in settimana

Trump:
Apertura
dei files relativi
al caso Kennedy