Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE PAROLE di Franco Zantonelli
Immagini articolo
Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
Franco Zantonelli


Dopo il teorema della decrescita felice, arriva quello del "deconsumo" intelligente. Il che non significa consumare meno ma, piuttosto, farlo in modo diverso. Del tipo Ridurre le spese per l’abbigliamento e le cose frivole e, contemporaneamente, aumentarle per quelle utili. Oppure disertare le grandi catene di distribuzione, a beneficio del commercio locale.
Ciò che non comporta, al contrario della decrescita felice, che si finisca per deprimere i consumi. Difatti, in Svizzera, il loro aumento si aggira costantemente intorno all’uno per cento all’anno. Indipendentemente dall’atteggiamento più o meno "virtuoso" dei cittadini-consumatori. Significativo, al riguardo, l’approccio ai beni alimentari. Uno studio dell’università di Losanna rivela che chi rifiuta la carne mangia magari del sushi, convinto che si tratti di cibo vegetariano. Ed è paradossale venire a sapere che i grandi distributori si sono già attrezzati per andare incontro alle esigenze dei "deconsumatori". Ovvero al consumo del deconsumo.

Ul "Chiambretti mancato", come un noto commentatore ha definito Nicolò Casolini, ha colpito ancora. Dopo essere stato rampognato, in diretta, da Angelo Renzetti, che gli disse "non sei un genio", Casolini si è prodotto in un penoso mea culpa, nella fascia d’ascolto più alta della Rsi, perché rimproverato di un siparietto sessista, durante una trasmissione della scorsa settimana, in cui ha coinvolto, pure, il consigliere di Stato Raffaele De Rosa. E dalla quale anche il presidente della Corsi si è distanziato. "M’hanno rimasto solo", la celebre battuta di Gassmann nei "Soliti ignoti", che ora il Nicolò televisivo può fare sua.

Chi va piano va sano e va lontano. Ma cosa succede quando è un’ambulanza a non poter correre per salvare una vita, perché si ritrova in una zona dove il limite di velocità è di 30 km orari? La questione è stata sollevata dall’associazione dei soccorritori del canton Vaud. "Come possiamo pensare al rischio di perdere la patente, se non addirittura di incorrere in una sanzione penale, quando la nostra priorità è di aiutare qualcuno che sta male?", l’interrogativo rivolto al Municipio di Losanna.
Il problema non riguarda solo medici e paramedici che sfrecciano sulle ambulanze ma pure poliziotti e pompieri. Ed è un problema di portata nazionale. Come non ricordare, tanto per fare un esempio, la condanna e la multa inflitte ad un agente della polizia ginevrina, sorpreso da un radar ad una velocità di 42 km orari superiore a quella consentita, mentre inseguiva dei rapinatori. Quindi "adelante con juicio", avrebbe suggerito un personaggio manzoniano.
19-05-2019 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è