Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Per ora fare il pieno
costerà a tutti di più
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

LE PAROLE di Franco Zantonelli
Immagini articolo
Politici quasi amici
con Sam e il lupo
Franco Zantonelli


Quasi amici! Come Sam Canepastore e il lupo Ralph, protagonisti di un famoso cartone animato. I due ogni mattina arrivano dove si trova il gregge, timbrano il cartellino e poi, dopo una giornata passata a darsele di santa ragione, si salutano cordialmente andandosene ognuno per la propria strada.
Di una vicenda che richiama il rapporto tra Sam e Ralph sono stati protagonisti, a fine giugno, il presidente del Ps, Christian Levrat, il consigliere agli Stati pdc Konrad Graber e il consigliere federale Ueli Maurer. Levrat, durante i lavori di una commissione parlamentare si ricorda che quel giorno deve assistere alla consegna della maturità alla figlia. Come fare? "Non ti preoccupare, voterò io per te", gli dice Graber. Ma, intanto, capita un intoppo perché l’esponente socialista ha perso le chiavi dell’auto. Interviene, a quel punto, il ministro udc, che presta l’auto di servizio con autista a Levrat e quando le chiavi della vettura di quest’ultimo saltano fuori, la usa per rientrare a Berna.
"Una storia così poteva succedere solo in Svizzera", ha commentato Levrat. Il quale forse non ha mai visto il cartone della Warner Bros con Sam Canepastore e il lupo Ralph.

Nel Paese che, per un certo periodo, andava fiero della prevalenza femminile nel proprio Governo, gli organi dirigenti dei partiti rimangono una questione prettamente maschile. In effetti in tutte le assemblee dei delegati gli uomini sono in maggioranza. Eppure le donne svizzere rappresentano il 53% dei votanti.
Alle prossime elezioni federali ci sarà un 40% di quote rosa, un passo in avanti rispetto al passato. Con l’eccezione dei soliti bastioni per soli uomini quali Vallese, San Gallo e Svitto.

"Niente casa ai bingo bongo", berciava Umberto Bossi nel 2004, protestando contro la decisione del Prefetto di Milano di attribuire alcune case popolari agli immigrati africani. Dopo 15 anni la proprietaria - di fede leghista - di un appartamento del Milanese estende la categoria dei bingo bongo a rom e meridionali, rifiutandosi di affittare un appartamento a una ragazza di Foggia.
Una vicenda che ci riporta indietro di oltre mezzo secolo, alla Svizzera di Schwarzenbach e alla Torino della Fiat di Vittorio Valletta. Quando non era raro che la provenienza dall’Italia del Sud discriminasse chi cercava un alloggio. Nel frattempo, però, a conferma che non è la latitudine a fomentare la xenofobia, calabresi, siciliani, campani e pugliesi non hanno lesinato gli atteggiamenti razzisti nei confronti degli africani. Come dire che si trova sempre un bingo bongo da maltrattare, per scaricare le proprie frustrazioni.
22-09-2019 01:00

La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Spagna: studiava
per colpire,
arrestato jihadista

Germania, accordo
con il Messico
per reclutare
infermieri

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00