La singolare storia del Salvator Mundi oggi sul Mar Rosso
Immagini articolo
Il mistero del Da Vinci
che vale 450 milioni
GUIDO OLIMPIO


Il Salvator Mundi è il quadro dei misteri. L’opera, attribuita a Leonardo da Vinci, è al centro di intrighi, supposizioni, teorie. Tutte affascinanti e in parte alimentate dal valore del dipinto, venduto all’asta, nel 2017, per la cifra record di 450.3 milioni di dollari. A comprarlo il principe Bandar, nel ruolo di acquirente-mediatore: ha staccato l’assegno - è la tesi accettata - per conto di Mohammed bin Salman, alias Mbs, l’erede al trono saudita chiamato spesso in causa per mosse impulsive e atteggiamenti brutali, come l’ordine di uccidere l’oppositore Jamal Khashoggi, fatto sparire a Istanbul. Un giovane ambizioso Mbs, convinto di aver una missione da portare avanti: quella di riformare l’Arabia secondo criteri tutti suoi, usando qualsiasi mezzo. Un piano dove anche l’arte può avere un ruolo.
Dopo la vendita il Salvator Mundi è scomparso, suscitando molte preoccupazioni da parte degli esperti. Si pensava, perché c’erano state indicazioni in questo senso, che il quadro sarebbe stato esposto al Louvre di Abu Dhabi, il bellissimo museo creato nel Golfo con la collaborazione di Parigi. Gli sceicchi hanno pagato per poter utilizzare il "marchio", quindi hanno fatto costruire una struttura affascinante, in riva al mare, che ha accolto molti reperti importanti per mostrare l’evoluzione, parallela, delle civiltà. E all’interno di uno dei padiglioni avrebbe dovuto essere "appeso", nel settembre del 2018, il dipinto. Solo che le cose sono andate diversamente e non è chiaro il motivo.
La data è passata senza che il "tesoro" leonardesco riapparisse. Un giallo accompagnato da molte voci. C’era chi ha ipotizzato che il quadro fosse stato donato da Mohammed all’emiro di Abu Dhabi, suo amico ed alleato. Anzi, secondo alcuni, il vero mentore del saudita. Una coppia di ferro impegnata a trasformare la regione, decisa a contrastare l’Iran sciita e pronta a cambiare il volto di uno scacchiere importante dove scorrono - per ora - fiumi di petrolio. Giochi politici locali intrecciati con strategie globali dove ogni potenza, dalla Russia agli Usa, ha in mano non poche pedine.
Con l’avvicinarsi delle cerimonie in onore di Leonardo è nata l’idea che il "Salvator Mundi" potesse essere portato, per qualche periodo, a Parigi. Ma era più che altro un’ipotesi o forse un modo per costringere i "proprietari" a uscire allo scoperto rivelando dove fosse finito il dipinto. Poi, pochi giorni, fa l’ennesima rivelazione. L’opera si troverebbe a bordo dello yacht di Mohammed, il Serene, vascello da 500 milioni di dollari. Lusso su lusso, anche se ritenuto non proprio la soluzione ideale per custodire una gemma così preziosa. Troppi i rischi, hanno sottolineato degli studiosi dell’arte.
Una ricerca via web, su uno dei siti che permettono di tracciare qualsiasi nave, ha localizzato l’unità nel Mar Rosso. A questo dettaglio se ne è aggiunto un secondo: la collocazione è temporanea, in futuro sarà spostato in un’area turistica che i sauditi stanno sviluppando ad al Ula. Nei loro progetti c’è la volontà di trasformare il sito archeologico in una sorta di nuova Petra, la fantastica città giordana che attira visitatori da tutto il mondo. Vedremo se sarà così. Sarebbe un peccato che il "Salvator Mundi", definito la versione religiosa della Gioconda, rimanga nascosto ancora a lungo.
07.07.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Con il lavoro a maglia
si spiega la finanza
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Effetto serra costante
rischio del nostro futuro
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prosegue
la protesta
antigovernativa
in Cile

Come evolve
la crisi
del vulcano
nelle Filippine

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00