Opinioni a confronto su un progetto di "Swiss Medical"
'Per i malati cronici
meno partner coinvolti'
PATRIZIA GUENZI


Ridurre i "partner" coinvolti nella cura del paziente. Soprattutto se si tratta di un malato cronico o anziano, quindi bisognoso di molta assistenza. Un modello di cure alternativo, una rete che comprende un’assicurazione, degli ospedali e dei partner sanitari, come quello proposto da Swiss Medical Network, potrebbe essere una tra le tante idee per evitare il costante aumento dei premi di cassa malati. "In teoria tutti i modelli sembrano avere una soluzione ideale. Sulla carta. Poi, al lato pratico, non è più così facile da realizzare", osserva Annemarie Bollier, membro di fondazione dell’Organizzazione svizzera dei pazienti. E spiega: "Mettere tutti nello stesso calderone non funziona, i pazienti hanno bisogni e esigenze diverse".
Quindi? "Di principio, raggruppare i fornitori di prestazioni sarebbe una buona cosa - riprende Bollier -. Tuttavia, nella pratica gli assicuratori hanno sempre dimostrato di non avere fiducia nei curanti. Secondo me, trovare una soluzione coinvolgendo le casse malati è un progetto arduo. Per gli assicuratori la sola soluzione per ridurre le spese è quella di razionare le cure. In sostanza, togliere la libertà al paziente che deve solo pagare e accettare ciò che gli viene dato".
Insomma, non ci sta Annemarie Bollier. Da sempre molto critica con le casse malati, definisce scandaloso il fatto che le assicurazioni "pensino solo ai propri interessi, che accumulino riserve e che riversino sulle spalle dei pazienti le perdite in borsa - dice -. Questo sistema si può e si deve cambiare, altrimenti non ne usciamo più da questa spirale perversa di continui aumenti di premio".
Serve al più presto un dibattito clinico ma soprattutto etico. Ad esempio, sino a che età è giusto curare il colesterolo? O il diabete? E con un paziente oncologico di 80 anni, che fare? "Vogliamo arrivare a questo punto? Tagliare cure e assistenza a chi ha superato una certa età? Se si ha un budget di spesa a disposizione, quando lo si è superato non si dispensano più prestazioni".
Il controllo della spesa sanitaria è uno dei temi centrali delle politiche sociali di tutti i Paesi del mondo sviluppato. Un problema che in pochi hanno in qualche modo risolto, o almeno contenuto. "Si tratta di aprire un dibattito che riunisca tutti gli attori coinvolti nelle cure - riprende Bollier -. Un dibattito in cui si affrontano tutte le tematiche sul tavolo. In cui si prende una direzione e tutti ci si impegni a seguirla. Non solo fino a quando conviene. Facendo attenzione ai facili specchietti per le allodole, che illudono tutti e alla fine a pagare resta sempre e soltanto uno. Il paziente".
06.10.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il forte "Zar Vladimir"
va indietro nel tempo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brasile: Lula
torna libero
dopo 19 mesi
di carcere

Spagna:
Sanchez
sfida
Vox

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00