Gli ostacoli che minacciano il futuro del presidente Trump
Immagini articolo
L'equazione Usa
ha tante incognite
ALESSANDRA BALDINI DA NEW YORK


Il 2020 per gli Stati Uniti si apre all’insegna dell’impeachment. L’anno che sta per cominciare è una equazione a più incognite ma tutte girano sui contraccolpi del processo che, dopo il rinvio a giudizio della Camera, dovrebbe aprirsi in Senato in data ancora da destinarsi.
L’esito è scontato - la maggioranza dei senatori sono repubblicani - ma l’impeachment pesa sull’esito del voto del 3 novembre: a favore dei democratici in apparenza, potrebbe rivelarsi un boomerang per il partito della Speaker Nancy Pelosi che al calcio di inizio di primarie e caucus (si parte dall’Iowa il 3 febbraio, il giorno prima del discorso di Trump sullo stato dell’Unione) si presenta frammentato.
Nella partita a poker della politica e dell’economia 2020, Trump ha una buona mano da giocare: nessuno deve  sottovalutare le formidabili capacità del tycoon come politico da campagna elettorale e la sua maestria nel mobilitare la base giocando sulla rabbia. Ma è tutto imprevedibile: chi avrebbe detto (neppure lui) che dei sette candidati dem sul podio di Los Angeles per l’ultimo dibattito del 2019, uno sarebbe stato il magnate del tech Andrew Yang? L’anno si chiude con Joe Biden, Elizabeth Warren, Bernie Sanders, Amy Klobuchar, Pete Buttigieg e Tom Steyer, oltre a Young e al jolly, Michael Bloomberg, ancora in corsa come candidati: a uno di loro la chance di evidenziare il rallentamento dell’economia rispetto ai record del 2019, ma le aspettative del mercato di una vera e propria recessione potrebbero rivelarsi eccessive.
L’economia, come diceva James Carville a Bill Clinton nella corsa alla Casa Bianca 1992 ("It’s the economy, stupid") è un fattore chiave dell’equazione 2020. Col debito globale in rapporto al Pil ai massimi dalla seconda guerra mondiale, cosa accadrà in caso di rialzo dei tassi? Sul fronte manifatturiero, peserà l’effetto Boeing dopo la decisione del colosso aeronautico di fermare la produzione del 737 Max, mentre il mercato della casa dovrebbe tenere, secondo il portale immobiliare Zillow, grazie all’ingresso dei Millennials tra i nuovi proprietari di case.
Le previsioni economiche si basano però sulla de-escalation della guerra commerciale con la Cina. Ulteriori incognite potrebbero venire dal fronte della sicurezza: secondo il Council for Foreign Relations, il panorama è incendiario in Asia, tra Iran, Nord Corea e Mar della Cina dove Pechino contende la supremazia a una o più nazioni del sud est asiatico. Potenzialmente in fiamme anche l’Europa con Russia e Ucraina ai ferri corti e il centro-America dove crisi politiche e economiche in Honduras, Salvador e Guatemala potrebbero spingere nuovi flussi migratori. Le minacce interne includono un nuovo possibile attacco terroristico su larga scala e un "massiccio cyberattacco sulle infrastrutture, incluso il sistema elettorale".
La minaccia cibernetica investe i consumi: nel 2020 Apple dovrebbe lanciare i suoi primi iPhone basati sulla tecnologia 5G. Costeranno 200 dollari in più ma saranno anche piu’ vulnerabili, secondo gli esperti, agli attacchi dei pirati informatici. Su una nota più leggera, si intensificherà la guerra dello streaming. Dopo il lancio di Disney , Amazon e soprattutto Netflix hanno un vero rivale da temere. Per Netflix il premio di consolazione potrebbe arrivare il 9 febbraio: con buona pace di Hollywood, il colosso di Los Gatos dovrebbe fare man bassa di Oscar grazie a "The Irishman" di Martin Scorsese e "Marriage Story" di Noah Baumbach.
22.12.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Con il lavoro a maglia
si spiega la finanza
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Effetto serra costante
rischio del nostro futuro
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prosegue
la protesta
antigovernativa
in Cile

Come evolve
la crisi
del vulcano
nelle Filippine

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00