function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Rimasti inascoltati i consigli dell'Ufficio della sanità
Berna raccomandava
50 maschere a testa
ANDREA STERN


Non una ma cinquanta mascherine per ogni normale cittadino, 125 mascherine per chi si occupa di assistenza e cura a domicilio e addirittura 336 mascherine per ogni medico o farmacista. Il Piano svizzero per pandemia influenzale, la cui quinta e per ora ultima edizione è stata pubblicata dall’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) nel 2018, conteneva della chiare raccomandazioni in merito allo stoccaggio di mascherine di protezione in vista di una possibile epidemia.
Mascherine la cui utilità era data per assodata. "L’effetto protettivo collettivo è duplice - scriveva l’Ufsp -. Le mascherine possono da un lato ridurre la diffusione dei germi presenti nelle goccioline prodotte da persone infette, dall’altro offrire ai soggetti sani una certa protezione dal contagio. In tal modo si riduce il rischio generale d’infezione".
Si trattava tuttavia di raccomandazioni e non di obblighi. L’unico obbligo deciso dalla Confederazione riguardava una scorta minima nazionale di 190mila mascherine FFP2/3, quelle di protezione respiratoria destinate prevalentemente al personale sanitario. Le scorte di mascherine igieniche, invece, venivano lasciate a discrezione dei singoli enti e delle singole persone.
Col senno di poi è facile chiedersi se non fosse stato meglio trasformare quelle raccomandazioni in obblighi. Poiché è chiaro che i consigli dell’Ufsp non sono stati nemmeno lontanamente rispettati. Tanto che dalle parole dello stesso Ufsp si è capito che forse è proprio la scarsità di mascherine ad aver indotto la Confederazione a non introdurne l’obbligo. "Né all’arrivo dei primi casi, né adesso - aveva ammesso l’Ufsp a fine marzo - ci sarebbero abbastanza maschere per l’intera popolazione". In seguito però si è corso ai ripari e ora il Consiglio federale assicura che per il 27 aprile, giorno dell’inizio della graduale riapertura, ce ne saranno a sufficienza per tutti.
19.04.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I bitcoin diventano adulti
e rischiano di snaturarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
In aiuto ai ranger del Congo
si ricorre all'intelligence
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Bider ordina
all’intelligence
di indagare
sulla Russia

Hong Kong
chiusa
per
coronavirus

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00