function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




La strage di El Mozote in Salvador e l'amnistia annullata
Immagini articolo
Il coraggio di tre donne
per incastrare i generali
MARTA VALIER, SAN FRANCISCO GOTERA (EL SALVADOR)


Sono in tre di fronte al giudice nell’aula giudiziaria di San Francisco Gotera a cercare di ricostruire quanto è accaduto nel borgo di El Barrial nel cantone di Cerro Pando il 13 dicembre del 1981, in El Salvador. In quei giorni, soldati appartenenti al battaglione di fanteria chiamato Atlacatl, notoriamente addestrato e armato da ufficiali statunitensi, stava portando a termine un’operazione di terra arrasada con l’ordine di sterminare la popolazione civile in interi villaggi nel dipartimento di Morazán nel nord est del paese. E così fece. L’operazione, nota come il massacro di El Mozote, si svolse nell’arco di più giorni, dal 10 al 17 dicembre del 1981, e fece 978 vittime tra la popolazione civile, tra cui 553 erano minorenni (447 dei quali avevano meno di dodici anni e 248 meno di sei).
Una dopo l’altra le tre donne, tra cui la madre Arcadia Ramírez Portillo, hanno raccontato al giudice Jorge Alberto Guzmàn quel che ricordano della scomparsa di Ana Julia e Carmelina Mejía Ramírez, due sorelle di quattordici e sette anni che quel giorno furono costrette dai soldati a salire su un camion per poi scomparire. Nessuna delle tre donne però ha assistito ai fatti e l’unica testimone diretta, Ester Pastora Guevara, è troppo anziana per testimoniare. Si fa fatica, ormai, a stabilire cosa sia accaduto. "Questi 39 anni sono stati una una tortura per tutta la famiglia", ha detto in aula Reyna Portillo, insistendo sull’importanza di sapere dove siano oggi le nipoti.
Quest’udienza che si è svolta lo scorso 17 gennaio fa parte del processo a diciotto militari ritenuti responsabili di aver dato l’ordine di uccidere l’intera popolazione civile di quell’area. Per oltre trent’anni il governo salvadoregno ha negato qualsiasi collegamento col massacro, quando non il massacro stesso, e solo nel 2012, tra la riesumazione dei corpi effettuata dall’equipe argentina di antropologia forense (Eaaf), investigazioni giornalistiche e una sentenza della Corte Interamericana, il massacro è stato ufficialmente riconosciuto. Il processo ora in corso ha avuto inizio nel 2017 dopo che la Corte suprema ha dichiarato incostituzionale un’amnistia che nel 1993 aveva, di fatto, cancellato tutti i crimini di guerra commessi durante la guerra civile, tra il 1980 e il 1992.
Di particolare rilevanza è stata un’udienza dello scorso novembre, quando per la prima volta due ex militari appartenenti al battaglione Atlacatl hanno testimoniato confermando i racconti dei superstiti, ovvero che le vittime erano per la maggior parte donne e bambini disarmati, ma soprattutto cominciando a fare luce sulla catena di comando. Il fatto che questi due testimoni abbiamo parlato a viso nascosto, con le voci distorte e rese irriconoscibili e usando uno pseudonimo - Juan e Sol - rende l’idea di quanto questo processo sia complesso e di come sia difficile fare luce su quanto avvenuto.
In questo contesto, intanto, tra un’udienza e l’altra, proseguono le esumazioni dei resti delle vittime vicino a El Mozote, mentre alla richiesta del giudice al presidente salvadoregno Nayib Bukele di aprire gli archivi militari e consegnare tutta la documentzione relativa al 1981, quest’ultimo ha risposto che non esiste più nessun documento sulle operazioni militari avvenute tra il 1980 e il 1982. Se vive, Ana Julia e Carmelina Mejía Ramírez, oggi avrebbero 54 e 46 anni.
27.06.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'amato lingotto d'oro
che non tradisce mai
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I feroci eredi di Bin Laden
alla conquista dell'Africa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Covid-19:
convivere
con il virus
a inizio estate

Berlino
anti-razzista
in piazza
contro le violenze

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00