function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Santésuisse chiede a Berna proposte più incisive
"Non bastano le misure
per contenere i costi"
PATRIZIA GUENZI


"Ne devono seguire altri. Questo primo pacchetto non basta". Così reagisce Santésuisse alle proposte per il contenimento dei costi fatte dal Consiglio federale. Meritano tutto il nostro sostegno, si legge sul "bollettino" dell’organo mantello delle casse malati, ma servono altri provvedimenti urgenti e opportuni per migliorare la qualità e l’efficienza dell’assistenza sanitaria. Vediamo quali.
Santésuisse si augura che si riesca finalmente a far passare l’obbligo di inviare copia della fattura agli assicurati. Un obbligo che però andrebbe imposto non agli assicuratori malattia, spiegano, ma ai fornitori di prestazioni. Spetta loro specificare meglio, se necessario, le prestazioni dispensate che i pazienti devono conoscere e poter verificare. Fatture chiare e comprensibili, dunque. Pena una sanzione. Le norme che non comportano sanzioni in caso di inosservanza sono del tutto sterili, sottolinea Santésuisse.
Sul sistema tariffario SwissDrg, viste le esperienze positive maturate, Santésuisse auspica l’introduzione di un’analoga struttura tariffaria anche per l’ambulatoriale.  
Infine, a proposito della Pianificazione degli ospedali e delle case di cura, Santésuisse rivendica il diritto di ricorso contro le decisioni dei governi cantonali, una richiesta avanzata da tempo. A tuttoggi, nessuna istituzione e nessun attore sono attualmente legittimati ad agire in giudizio in caso di offerta eccedentaria di prestazioni dovute alla errata pianificazione degli ospedali o delle case di cura, spiega Santésuisse, e nessuno è autorizzato a presentare ricorso contro i costi che ne derivano. E Santésuise conclude: "Gli assicurati hanno tutto l’interesse ad attuare le misure con la massima urgenza".
11.07.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I bitcoin diventano adulti
e rischiano di snaturarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
In aiuto ai ranger del Congo
si ricorre all'intelligence
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Bider ordina
all’intelligence
di indagare
sulla Russia

Hong Kong
chiusa
per
coronavirus

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00