function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Il diario
Il bene di star bene
costerà sempre più
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario,
c’è un tema che non passa mai d’attualità ed è il puntuale rincaro dei premi (che paradosso!) delle Casse Malati. Arrivano con la vendemmia e al posto dell’uva spillano soldi dalle tasche di tutti. Stavolta, quando sembrava dovesse esserci almeno una tregua, andiamo su del 2,5% nel Ticino. Con cronometrica contemporaneità si alza il solito coro del lamento, con acuti baritonali dalle forze politiche, specialmente all’avvicinarsi di scadenze elettorali. Tutti si ergono a difensori contro la spirale dei costi, ma la musica resta sempre la stessa, con chiamata finale alla cassa, in questo caso lo sportello dei versamenti.
EVIDENTE che tocca alla politica assicurare una sanità all’altezza dei tempi e che sia anche equa e parsimoniosa. Gli stipendi restano stagnano e ai cittadini tocca sborsare sempre di più. Si vedrà l’esito dei contrattacchi annunciati, con il dovuto vigore peraltro dal consigliere di Stato, De Rosa. Ha ragione però il presidente del Ps, Christian Levrat, quando sostiene che i cambiamenti potranno venire soltanto con iniziative e referendum, quindi con la forza decisiva del popolo, sovrano sulla carta ma costretto a trangugiare amaro.
LE CASSE MALATI sono tenute per legge ad un paracadute di almeno 4 miliardi di accantonamento; ne hanno in cassaforte nove. De Rosa ha motivato la reazione cifre alla mano: "Tra i 12 principali assicuratori-malattia in Svizzera ce ne sono 5 con riserve superiori al 200%, 6 con riserve tra il 150-200% e uno con riserve oltre il 125%". Il nostro sistema sanitario, anche questo è risaputo, è uno dei più costosi al mondo. Qualità ed efficienza costano. Sacrosanta la lima su ogni eccesso, su colmi forzieri "anti-sismici". Si calcoli e si paghi il giusto, niente di più, perché è intollerabile ogni idea di lucro sulla pelle dei cittadini-pazienti. Non ci si ammala per piacere.
OCCORRE tuttavia anche essere realisti, senza per questo essere accasati tra i fautori degli aumenti. La sanità deve fare a braccio di ferro ogni giorno, senza soste, con la malattia, al servizio della vita. Le statistiche dicono che l’età media si allunga, con tutte le ripercussioni del caso: merito dei progressi della medicina, ovvio. Ogni medaglia ha il suo rovescio. Le amorevoli cure, pur preziosissime e spesso utili quanto e più dei farmaci, non bastano. Medici, prevenzione, ricoveri, sperimentazione clinica, tecnologia avanzata, farmaci, insomma tutto quanto riguarda la sfera della cura, ha un prezzo in salita. La conclusione è che il bene di... star bene costa e imporrà purtroppo sacrifici sempre più elevati. Pensare a scorciatoie è illusorio.
06.10.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00