Fuori dal coro
Il mondo scompare
e il mondo rinasce
GIÒ REZZONICO


Questa ultima edizione del 2019 mi porta a pensare ai grandi cambiamenti che stiamo vivendo in questi anni, decretati nella maggior parte dei casi dal sopravvento del digitale. È delle ultime settimane la notizia che è stata chiusa l’ultima cabina telefonica. I commercianti si lamentano perché, soprattutto i giovani, non si recano più nei loro negozi, ma acquistano online. E se vanno negli empori lo fanno per visionare la merce che poi ordinano su Internet.
Gli sportelli delle banche stanno ormai scomparendo, perché i clienti eseguono le loro operazioni in rete e se necessitano contanti utilizzano i bancomat, così come le agenzie di viaggio sono in grande difficoltà perché le prenotazioni vengono oramai effettuate online. Ma ciò che più mi tocca da vicino sono i cambiamenti che stanno avvenendo nel mondo dell’informazione e in particolare in quello editoriale. Il futuro (che in parte è già presente) della tv non è più legato a una programmazione giornaliera, ma a un’offerta su domanda, così che ognuno possa scegliere cosa guardare in base ai suoi interessi. E i giornali? Gli esperti non danno loro più di dieci anni di vita. Le giovani generazioni non si informano più sfogliando i quotidiani di carta, ma unicamente consultando i loro cellulari.
Il numero degli abbonati ai giornali diminuisce così gradualmente in tutto il mondo. Vengono ancora letti da chi ha 50 anni o più, ma quando loro scompariranno il giornale diventerà un oggetto di antiquariato. Quale sarà allora il futuro di noi editori? Le fonti di finanziamento della nostra attività, fondamentale nelle democrazie liberali, sono due: la pubblicità e gli abbonati. Di questi ultimi abbiamo già detto; la pubblicità è in caduta libera in tutto il mondo. Si calcola che nel corso degli ultimi dieci anni sia diminuita mediamente dei due terzi. Viene sostituita con vettori digitali di comunicazione che permettono di raggiungere pubblici mirati. E siccome informare costa, l’unica via per continuare a garantire un’informazione pluralista e indipendente è quella di proporre servizi a pagamento anche per le notizie e gli approfondimenti su web, come per la carta.
Per capire quale può essere il futuro dell’editoria è molto interessante osservare ciò che accade nel nord Europa, dove il mercato dei lettori è simile al nostro. Tre le tendenze. L’informazione online punta ormai poco sulla pubblicità, ma soprattutto sugli abbonamenti, partendo dal presupposto che se gli utenti sono disposti a pagare Netflix per vedere i film o Spotify per ascoltare musica, lo saranno anche per informarsi. In secondo luogo si stanno sviluppando sistemi informatici che, misurando quali articoli vengono letti e per quanto tempo, permettono di conoscere in tempo reale gli interessi dei lettori. Da ultimo si giungerà a proporre un’informazione personalizzata a seconda degli interessi degli abbonati. Un po’ come sta avvenendo per la televisione ‘"on demand".
22.12.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Con il lavoro a maglia
si spiega la finanza
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Effetto serra costante
rischio del nostro futuro
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prosegue
la protesta
antigovernativa
in Cile

Come evolve
la crisi
del vulcano
nelle Filippine

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00