Una fitta rete cicloturistica collega Vallese e Novarese
Immagini articolo
Viaggio lungo 200 km
fra l'Italia e la Svizzera
GIANFRANCO QUAGLIA


Passeggiando in bicicletta accanto a te/ Pedalare senza fretta la domenica mattina/ Fra i capelli una goccia di brina/ Ma che faccia rossa da bambina/ Fai un fumetto respirando/ Mentre mi sto innamorando". Chi non ricorda l’incipit della splendida canzone di Riccardo Cocciante, "In bicicletta", anno 1982?
Le parole di quel testo sono state mutuate dal progetto italo-svizzero "In bici a pelo d’acqua", che unisce Italia e Svizzera attraverso un itinerario di quasi 200 chilometri, tutto sulle due ruote. La descrizione del progetto continua infatti con "Pedalando senza fretta nell’area transfrontaliera, dal Vallese al Novarese, lungo le reti cicloturistiche, alla scoperta della cultura, della natura, della storia e dell’enogastronomia". Un richiamo alla grande bellezza di un territorio transnazionale, diviso (o unito) dalle montagne, impreziosito dai corsi d’acqua e dai laghi.
L’iniziativa ha un valore e un costo di oltre un milione di euro ed è finanziata dal programma Interreg con 900mila euro per gli interventi da realizzare in Italia e 181mila franchi per quelli in territorio elvetico.
Il progetto si è classificato terzo assoluto tra i 20 selezionati (59 quelli presentati) nell’ambito del programma di cooperazione Interreg V-A Italia-Svizzera: complessivamente 32,5 milioni di euro erano stati messi a disposizione dall’Italia, 5,5 milioni di franchi stanziati dalla Svizzera. Capofila per parte italiana è l’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara (Atl), partner Regione Piemonte, Provincia-Camera di Commercio-Comune di Novara, l’Ente gestione delle aree protette del Ticino e del Lago Maggiore, il Distretto turistico dei Laghi. Per la Confederazione, invece, gli omologhi esponenti sono Hes-So Valais Wallis, Alta Scuola di Gestione e Formazione del Turismo, partner Adot Valais Wallis, Rwoag e Valais Wallis Promotion.
Filo conduttore dell’itinerario è l’acqua: dal Rodano che scorre nel Vallese, sino al Toce nel Verbano Cusio Ossola, ai confini con la Svizzera, poi nella Valle del Ticino, lungo il fiume italo-svizzero per eccellenza e definizione, che dà vita al parco fluviale più grande d’Europa. Infine alla risaia della Bassa novarese che confina con la Lomellina, dove l’opera dell’uomo ha disegnato il triangolo d’oro della risicoltura italiana. Un viaggio senza frontiere, che costeggia laghi, canali, s’immerge nei boschi. Ovviamente non casuale né improvvisato: il percorso sarà indicato da una segnaletica già in corso di attuazione.
Sarà un unico grande itinerario dominato dal fattore comune dell’acqua, con grandi fiumi come il Rodano nel Vallese; in Italia il Toce e il Ticino, laghi come quello di Mergozzo, Orta, Maggiore, la fitta rete di canali irrigui, come spiega Maria Rosa Fagnoni, presidente di Atl Novara. "La sfida è quella di aumentare l’attrattività dell’intera area, consapevoli che solo l’unione può fare la forza. L’obiettivo che ci siamo posti è di potenziare e valorizzare gli itinerari ciclabili già esistenti attraverso la realizzazione di interventi condivisi e innovativi, con l’uso di tecnologie cartografiche avanzate". Previste la creazione di bike hostel nel Parco del Ticino a Villa Picchetta di Cameri (Novara), una struttura di ospitalità dedicata ai bikers, un ricovero bici e una ciclofficina. "Oltre a una postazione di ricarica per e-bike con colonnine a energia solare da installare nel castello sforzesco-visconteo di Novara - conclude Fagnoni -, dove sarà anche possibile noleggiare biciclette".
14.07.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Con il lavoro a maglia
si spiega la finanza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Effetto serra costante
rischio del nostro futuro
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prosegue
la protesta
antigovernativa
in Cile

Come evolve
la crisi
del vulcano
nelle Filippine

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00