function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Salgano i casi di coronavirus registrati in Svizzera ma...
Immagini articolo
Per ora tiene l'argine
contro virus e contagi
MAURO SPIGNESI


Il primo week end ai tempi del coronavirus e dell’epidemia globalizzata, è stato all’insegna del silenzio. Silenzio al derby di hockey tra Lugano e Ambrì, silenzio nelle strade dove gli ultimi coriandoli volano via nel ricordo di un carnevale che si è inceppato a metà. Forse domani, lunedì, tornerà il rumore quotidiano. Quando riapriranno le scuole che porteranno una nota di normalità, una prepotente voglia di ripartire con ottimismo nonostante i timori, nonostante le paure (ne riferiamo a pagina 7) di oltre cinquemila genitori che hanno firmato per tenere chiusi gli istituti, così come avviene in Lombardia. Ma intanto ieri, sabato, al mercato tradizionale di Bellinzona, la gente è arrivata senza paura, in tutta tranquillità.
Ma questo è stato anche il fine settimana dove l’emergenza in Ticino è sfumata via insieme alle dimissioni dell’unico paziente contagiato, dimesso dalla clinica Moncucco (la sua storia la raccontiamo a pagina 6). Resta, a livello nazionale, un bilancio di 18 ricoveri (gli ultimi una ragazza nel canton Berna, quattro componenti della famiglia italiana i cui bambini erano risultati positivi al tampone e due pazienti a Ginevra), "mentre per altri 5 si aspetta ancora la conferma del laboratorio di Ginevra - ha spiegato Daniel Koch, capo divisione malattie trasmissibili all’Ufficio federale della sanità -. Per il momento non è prevista la chiusura delle scuole o delle frontiere".
L’inizio di questa emergenza - dove complessivamente ha retto l’antidoto fatto di divieti e controlli messo in atto - è stata scandita da conferenze stampa del Consiglio federale e del gruppo di lavoro del Cantone che ha istituito una speciale hotline che ha sgravato  i pronto soccorso. "In vista dello sviluppo della situazione epidemiologica in Italia, bisogna prepararsi alla comparsa di nuovi casi in Svizzera - ha detto ancora Koch - e per far questo bisogna razionalizzare le risorse per concentrarci sui casi più gravi. Pertanto, nei casi lievi serve autodisciplina. Chi ha solo  tosse o un semplice raffreddore non corra in ospedale, altrimenti si sovraccarica il sistema". Anche per questo, sempre da domani, lunedì, alla Moncucco, come già negli ospedali dell’Eoc, sarà in funzione la tenda con personale della Protezione civile per orientare chi si presenterà al pronto soccorso.
Intanto la decisione del Consiglio federale, che ha dichiarato lo stato di "situazione particolare" (in ottemperanza alle legge sulle epidemie) vietando sino a metà del mese le manifestazioni con oltre mille persone, rischia di arrecare parecchi danni. La prima vittima (ne parliamo nel secondo fascicolo) è il Salone dell’auto di Ginevra, che non si farà. Mandando in fumo, secondo gli organizzatori, qualcosa come 220 milioni di franchi di giro d’affari.
E mentre l’Ocst ha chiesto di incentivare il lavoro ridotto per evitare licenziamenti nelle aziende colpite dalla crisi - anche dei riflessi economici parliamo nel nostro approfondimento - per effetto del coronavirus, potrebbero esserci tagli nel settore turistico azzoppato dal timore dei viaggi e delle vacanze. D’altronde tanti hanno paura. I morti a livello globale sono quasi tremila, a fronte di oltre 85mila casi. Per limitare il rischio di contagio è quindi stato ridotto il raggio d’uscita del personale medico in tutta la Svizzera.
Molti Cantoni, inoltre, dopo la decisione di Berna di vietare le grandi manifestazioni hanno deciso misure ancora più restrittive. Il canton Berna e la città di Coira, ad esempio, hanno deciso che possono essere vietati anche eventi che ospitano meno di mille persone. Berna, in più, richiederà agli organizzatori di essere in grado di dimostrare che nessun partecipante è tornato da una regione colpita da Covid-19 negli ultimi 14 giorni.
mspignesi@caffe.ch
01.03.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I bitcoin diventano adulti
e rischiano di snaturarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
In aiuto ai ranger del Congo
si ricorre all'intelligence
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Bider ordina
all’intelligence
di indagare
sulla Russia

Hong Kong
chiusa
per
coronavirus

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00