Andrea Delogu
Immagini articolo
Soffro di dislessia
e in tv ho la panciera
ALESSANDRA COMAZZI


Andrea Delogu è una conduttrice giovane, classe 1982, cosa rara e che dà speranza alle emittenti generaliste così ancorate al passato. È giovane, bella e dislessica. Proprio alla dislessia ha dedicato un libro, "Dove finiscono le parole", racconto-esortazione alla consapevolezza di una caratteristica esistenziale che non è una malattia, ma che può condizionare come una malattia. Ha un bel fisico, ma lei è una che ama spiazzare: qualche tempo fa ha pubblicato su Instagram una foto in cui si vedeva bene la guaina che indossa, altrimenti detta "panciera". "Attenzione a quello che vedete in tv - ha scritto - è sempre tutto costruito". Nel suo percorso professionale ha presentato, ad esempio, i Nastri d’Argento a Taormina, il programma "Stracult", è stata accanto a Renzo Arbore in "Indietro tutta trenta e l’ode" e "Guarda, stupisci", e Arbore è uno che di talenti se ne intende. Nata a Cesema, è sposata con Francesco Montanari, il Libanese di "Romanzo criminale", protagonista del "Cacciatore", di cui sta girando la seconda serie. "Lo amo molto", dice, e soprattutto lo dimostra, basta vedere come lo guarda. Personaggio eclettico, Delogu crede nella condivisione delle esperienze. Tanto che, insieme con Andrea Cedrola aveva già scritto "La collina", in cui raccontava la sua infanzia di bambina cresciuta in una comunità mai esplicitamente nominata, ma che è San Patrignano. Il suo secondo libro ha un sottotitolo illuminante: "Storia semiseria di una dislessica", parte del ricavato andrà all’Aid, Associazione italiana dislessia.
Non deve essere facile raccontare: "Per me però era importante farlo - ammette - perché ho sofferto tanto. Vent’anni fa non si sapeva che cosa fosse la dislessia. Io ero una bambina brillante, chiacchierina, ma a scuola facevo una fatica immane. Ai miei genitori sembrava impossibile, non capivano. Credevano a quello che dicevano gli insegnanti, la solita frase: "La bambina è intelligente ma non si impegna". I miei quaderni erano spaventosi, pieni di scarabocchi, ma nessuno, tanto meno io, immaginava che soffrissi di questo disturbo dell’apprendimento".
Chissà come farà a condurre: i presentatori leggono il gobbo, una sorta di suggeritore cartaceo o elettronico, lei però non può. "A parte alcune indicazioni facili - confessa - che riesco a leggere, tipo: saluta, fai parlare Tizio, fai rispondere Caio, io imparo tutto prima. Forse per questo mi riesce meglio essere naturale: perché non leggo mai. E con questo libro sono convinta di poter contribuire a migliorare la conoscenza della dislessia. Abbiamo scelto apposta un carattere ad alta leggibilità. Spero di aiutare, soprattutto, a fare chiarezza: ci sono protocolli assai severi per verificare la situazione. Solo che per avere questi certificati, bisogna aspettare anni. Io ho concluso il mio percorso scolastico con uno sforzo enorme. Ho imparato l’italiano dalla tv e i primi computer sono stati una benedizione. Soffro anche di discalculia, e ho frequentato il liceo scientifico, "piano nazionale informatica", una pazza. Purtroppo non mi sono laureata. Ma non è ancora detto, voglio togliermela, questa soddisfazione. Certo, dimentico tante cose, per esempio le date. Pure quella del mio matrimonio: so il periodo, ma non il giorno giusto. Ci pensa mio marito, grazie Francesco".
Ricorda con piacere i giorni della scuola. Nonostante tutto. "Mi aiutavano i miei compagni, moltissimo. Il mio amico Marcellino mi ha insegnato a chiedere aiuto e a riceverne senza imbarazzo. I professori: dipende. I miei genitori mi erano vicini e mi facevano seguire infinite ripetizioni. Ma io avevo bisogno di tempo". Lei ha detto che in televisione è tutto costruito: ma come è arrivata a lavorare in tv? "Con tanti provini. Io volevo solo fare un lavoro che mi permettesse di parlare, parlare, parlare".
29.09.2019



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se si stampa il denaro
solo per indebitarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus,
negli Stati uniti
1500 decessi
in appena 24 ore

Francia:
accoltella persone
nel centro
di Romans-sur-Isère

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00