function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Angel Bipendu Kalela
Immagini articolo
"Potremo nuovamente
stringerci le mani"
GIUSEPPE ZOIS


Ha conosciuto diverse facce dell’emergenza: per due anni è stata sulle navi della Guardia Costiera per il salvataggio dei migranti in pericolo di vita nella traversata del Mediterraneo dalla Libia verso l’Italia. Suora e medico, Angel Bipendu Kalela, 47 anni, nata a Kananga nel Congo, ha dovuto suturare ferite da torture, assistere partorienti, curare casi di ipotermia o scottature da sole. Un nodo le serra ancora la voce in gola quando ripensa ai profughi annegati, al recupero delle salme e al tentativo di risalire alla loro identità e provenienza dai pochi ricordi dei sopravvissuti. Lasciate le navi del Corpo italiano di soccorso dell’Ordine di Malta, si è trasferita da ormai due mesi sugli avamposti della lotta al coronavirus, in una delle zone più colpite: Bergamo.  
Quella di Suor Angel è una vita da samaritana proprio estrema, per fedeltà al proposito di aiutare a oltranza. Sempre in lotta, dalla parte della vita, vedendo purtroppo spesso la morte accanto…
Emotivamente teso il suo racconto: "Con i migranti ho conosciuto una realtà, ciò che sto vedendo e vivendo adesso è più drammatico rispetto ai rischi che assumono quanti si mettono in mare per venire in Europa. Qui ci sono migliaia e migliaia di persone malate, con molti morti. Chi si imbarca sa a cosa va incontro; dentro questo ciclone, non sappiamo che cosa ci aspetta. Stiamo combattendo contro un virus occulto, mutevole e letale: ora si sa qualcosa, prima niente".
Medico e suora, corpo e anima: "Accanto ai farmaci io metto anche la forza della preghiera. Il Signore è capace di compiere miracoli laddove per noi è inimmaginabile. Per me sono due facce della stessa medaglia, la vita professionale e la fede. Prima di qualsiasi intervento, io prego, chiedo a Dio di darmi la forza di fare bene ciò che mi appresto ad affrontare in quel momento. Le due dimensioni non vanno disgiunte e non entrano neppure in contrasto. Io devo saper dare il miglior aiuto al prossimo, che ha bisogno di me in quel momento: fisicamente, moralmente, spiritualmente".
Nel modo in cui ora si veste e si presenta per proteggersi dal contagio, nessuno sa che il medico - di colore - è anche suora: "Lo dico al termine, quando mi presento. Ho dovuto costatare decessi, stare con i parenti, consolarli. A volte sono i familiari che mi chiedono di recitare una preghiera insieme e rimangono consolati. Curando al domicilio è possibile instaurare un rapporto più diretto, più intenso sia con i malati sia con i familiari, nonostante si debbano rispettare certe precauzioni tassative. Ci ritroviamo in una situazione dove uno non può avvicinarsi all’altro, condannati all’incomunicabilità. Marito e moglie, spesso anziani, si sono ritrovati separati per forza dentro la stessa casa o allo stesso ospedale e qualcuno è anche morto senza che l’altro sapesse. Anche questo è un mio cruccio quotidiano. Mi tormenta l’afflizione che prova chi deve morire in un deserto affettivo e spirituale, privato degli ultimi gesti di tenerezza, delle parole che suggellano una vita. Pesa moltissimo l’impossibilità di poter elaborare il lutto, di rendere l’estremo saluto a un congiunto o a una persona cara. È un disastro. Rivedo tutti quei camion militari che trasportavano bare verso destinazioni ignote. Un incubo lugubre e agghiacciante".
Dopo una pausa di commozione, suor Angel aggiunge: "Molti si erano fatti l’idea di poter dominare tutto, con la scienza e la tecnologia. Dobbiamo cercare di cogliere l’essenziale della vita, sentirci più uniti. Mai come ora si sperimenta il senso della fragilità umana. La possiamo superare meglio insieme".
A colpire di più la religiosa in questa interminabile notte "sono la solitudine, la sofferenza e il silenzio. Anche i bambini sanno che c’è il coronavirus e stanno peraltro pagando un elevato prezzo, costretti al chiuso, senza poter respirare la gioia e la libertà della primavera con i compagni di scuola e di gioco".
Sono in molti a ritenere che questa emergenza ci cambierà, volenti o nolenti. La dottoressa-suora ne è convinta, vede tuttavia molte ombre accanto alle luci: "Penso sia difficile tornare alla vita di prima senza sentirsi in alcun modo toccati o segnati da questa pandemia. Da una parte abbiamo riscoperto valori importanti per tutti, come il volontariato, la solidarietà e la generosità di molte persone, il tempo per ristabilire contatti. Ma ci imbatteremo anche in atteggiamenti di diffidenza, di paura, di ossessiva distanza prudenziale. Un colpo di tosse e uno starnuto ci metteranno in apprensione".
Sempre pronta a partire, a qualsiasi ora, verso un’altra casa per alleviare sofferenze, inesausta nel portare e diffondere speranza, suor Angel si pone una cruciale domanda: "Quando torneremo a riabbracciarci e a salutarci come prima? Una cosa dobbiamo imparare: più stiamo distanti, più disperdiamo il calore dell’incontro".
26.04.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00