function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Il coronavirus sta colpendo molti ex campioni
Immagini articolo
Addio alle leggende
del calcio inglese
ALESSANDRO CARLINI DA LONDRA


La storia del calcio è una questione molto seria per gli inglesi. E quando si sgretolano i "pilastri" allora si fa presto a parlare di una vera e propria maledizione. Uno dopo l’altro, anche per l’epidemia di coronavirus, stanno morendo alcuni fra i più importanti ex campioni della nazionale dei Tre Leoni, personaggi che hanno scritto pagine indelebili nei campi da calcio britannici ed europei. Vere e proprie leggende, la cui scomparsa fa piangere i tifosi vecchi e giovani. L’ultimo ad andarsene, all’età di 72 anni, è stato l’arcigno difensore Trevor Cherry, che ha militato nella selezione inglese dal 1976 al 1980 e ne è stato anche il capitano. Col suo club, il Leeds United aveva vinto un campionato nel 1973-74 e una FA cup nel 1972.
Se Cherry è deceduto per un malore improvviso, come si legge dall’annuncio diffuso dal suo club, per un suo ex compagno di squadra nel Leeds si è trattato sicuramente di Covid-19. Si tratta di un grande mediano, Norman Hunter (76 anni), l’ultimo dei tre campioni di Inghilterra ‘66 che hanno perso la vita dallo scorso dicembre. Un’altra tragedia dentro quella che il Regno sta vivendo per la pandemia e che nel Paese vede un bilancio ben oltre i 27mila morti. Hunter divenne campione del mondo a soli 22 anni. Nel Leeds di Don Revie era detto "bites your legs", ovvero "morde le tue gambe", per la sua decisione nell’affrontare i tackle. Era la "cerniera" della squadra assieme al capitano scozzese Billy Bremner: insomma, due leggende di Elland Road, e non a caso poco dopo l’annuncio del club, centinaia di tifosi sono andati a deporre mazzi di fiori fuori dallo stadio del Leeds, come poi si è ripetuto con la scomparsa di Cherry.
Il primo ex nazionale del ‘66 ad andarsene negli ultimi mesi era stato Martin Peters, 76 anni, una delle colonne del West Ham (Bobby Moore e Geoff Hurst gli altri) che l’allenatore Sir Alf Ramsey fece giocare con tanto successo in nazionale. Peters, che oscillava fra centrocampo e fascia sinistra avanzata, era malato da tempo, e la sua scomparsa non è collegata al coronavirus. Nella triste lista c’è anche ‘The Cat’ Peter Bonetti (78 anni), storico ‘secondo’ del portiere Gordon Banks (titolare a Inghilterra ‘66) e per tanti anni fra i pali al Chelsea. Anche lui era già malato, di Alzheimer, ma resta il sospetto che la Covid-19 ne abbia accelerato la fine. Soprannominato "il gatto" dal suo compagno di squadra Ron Tindall per la sua agilità, nella stagione 1969-70 aveva ricevuto il premio come miglior giocatore del massimo campionato inglese. Appesi gli scarpini al chiodo, Bonetti è rimasto nel mondo del calcio, ricoprendo il ruolo di allenatore dei portieri prima al Chelsea quindi con la nazionale maggiore, collaborando in seguito con altri club (Manchester City, Newcastle United e Fulham). Ma in quella nazionale che vinse il titolo mondiale in casa battendo la Germania Ovest in finale (per 4 a 2) giocò anche Jimmy Greaves, che era titolare ma poi perse il posto infortunandosi nella fase a gironi. Di recente è stato ricoverato in ospedale e poi dimesso. Tanti i suoi problemi di salute, tra cui un ictus nel 2015. L’ex campione del Tottenham a 80 anni resiste mentre sono sempre meno i "superstiti" di quell’epopea sportiva sempre più lontana e sbiadita.
03.05.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00