function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

La Turchia lascia il trattato contro gli abusi firmato nel 2011
Immagini articolo
Fuori dalla Convenzione
che protegge le donne
R.C.


Con un decreto presidenziale firmato ieri, sabato, la Turchia lascia la Convenzione di Istanbul. Un trattato del 2011 per prevenire e combattere la violenza contro le donne. Inutile dire che il gesto ha suscitato le critiche dei principali partiti dell’opposizione. "È un enorme passo indietro che compromette la protezione delle donne in Turchia, in Europa e anche oltre", ha dichiarato il segretario generale del Consiglio d’Europa, Marija Pejcinovic Buric, subito dopo l’annuncio di Ankara.
L’accordo è noto come Convenzione di Istanbul, perché fu ratificato nella città turca, e la Turchia fu il primo Paese a firmarlo. Ne seguirono altri 45, più l’Unione Europea. In sostanza, obbliga i governi ad adottare una legislazione che contrasti la violenza domestica e gli abusi simili, come la violenza coniugale e le mutilazioni genitali femminili. Secondo i conservatori il provvedimento minerebbe l’unità familiare, incoraggiando il divorzio e dando spazio alla comunità Lgbt per essere maggiormente accettata nella società.
"La Convenzione - ha aggiunto Pejcinovic Buric - è considerata lo standard internazionale per la protezione delle donne dalla violenza che subiscono quotidianamente". Consiglio d’Europa che, a quanto ha fatto sapere un suo portavoce, non ha avuto alcun preavviso.
La decisione del presidente Recep Tayyip Erdogan, lo stesso che nel 2011 firmò la Convenzione, secondo alcuni analisti è stata dettata dalla volontà di ingraziarsi la base più conservatrice del suo elettorato. Negli anni successivi alla ratifica, Erdogan aveva citato spesso la Convenzione come dimostrazione dei presunti avanzamenti della Turchia nell’ambito della parità di genere. In anni più recenti, mentre lo stile di governo di Erdogan diventava sempre più autoritario, le cose sono però cambiate. In sostanza, il presidente ha cominciato a dare ascolto ai gruppi islamici più conservatori, di cui fanno parte anche molti esponenti di rilievo dell’Akp, il suo partito, secondo cui la Convenzione di Istanbul sarebbe contraria alle norme dell’Islam e incoraggerebbe il divorzio e l’omosessualità.
20.03.2021


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Luna e Marte nuove mete
di imprenditori visionari
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Quei pochi cristiani in Iraq
tra le macerie di sé stessi
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Predicatori e Stato islamico
tra i guerriglieri della costa
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il mondo ha 44 sovrani
ma i "regni" contano poco
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Una Greta, tante Grete
per difendere l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra,
omaggio
al principe
Filippo

La polveriera
Belfast
pronta
a scoppiare

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00