Come si è diventati leghisti... nell'Italia che era rossa
Immagini articolo
Viaggio in un Paese
dove regnava sinistra
CLEMENTE MAZZETTA


In Italia c’erano i migranti. Gli extracomunitari, i "negher". In Ticino i frontalieri e i "padroncini". Ma soprattutto, da una parte e dall’altra del confine i partiti si sono dimostrati sempre meno in grado di intercettare il senso comune della gente. Autoreferenziali. Incapaci in questi tempi di crisi e di trasformazione di cogliere umori, ansie, paure della propria gente. Forse si trova in queste analogie il perché di una traiettoria simile dei due Paesi, il Ticino e l’Italia, che all’improvviso si sono svegliati leghisti. Al Ticino è successo nel 2011, quando la Lega è diventata partito di maggioranza relativa in governo. All’Italia sta succedendo adesso. Con il governo giallo-verde e con Matteo Salvini, l’erede di Umberto Bossi che già in queste elezioni europee  punta a creare un fronte sovranista.
Per capire, appunto, come si diventa leghisti, Davide Allegranti, giornalista del Foglio, ha compiuto un viaggio, partendo da Pisa, "che si credeva rossa e che si è svegliata verde", il colore delle bandiere della Lega. Un libro-reportage su dove sta andando l’Italia. E che aiuta a capire perché il vento sovranista sta soffiando sull’Europa. Sono duecento pagine di incontri personali, aneddoti, storie minime, analisi circoscritte, che compongono però un quadro generale: un resoconto amaro fra le macerie elettorali della sinistra. Che si è vista surclassare dal centro-destra. Non solo Pisa, ma tutta la Toscana è stata la roccaforte del Partito comunista, poi trasformatosi in Partito della sinistra e infine nel Partito democratico. Un voto a sinistra quasi automatico, "antropologico", che si è dissolto. E che ha lasciato praterie aperte per la nuova "destra" che avanza.
Il libro richiama alla mente un altro reportage, quello dell’americano William Sheridan, "Come si diventa nazisti", la storia di una piccola città della Germania al tempo della Repubblica di Weimar. Un’indagine volta a capire come è stato possibile  precipitare dalla democrazia alla dittatura, non dai discorsi politici ma prendendo in considerazione i piccoli fatti della vita quotidiana, il parere della gente comune, dei pochi che si opposero e dei molti che approvarono. Una analisi che partì da un’unica domanda: come è stato possibile in Germania un cambiamento ideologico così veloce? Perché Hitler ebbe il consenso che ebbe?
Stesso interrogativo da cui è partito Allegranti. Che si chiede perché oggi tanta gente che si trova a sinistra è disponibile a sostenere i partiti sovranisti di destra? "Il cambiamento in corso, più che il frutto delle capacità comunicative di Salvini, è causato dal senso di abbandono della gente", scrive Allegranti. Si cambia per delusione. Si vota Lega per protesta. Forse perché ormai tutto è "politica percepita". O "per punire la vecchia amministrazione".
Allegranti ricorda come l’insoddisfazione per le classi dirigenti progressiste e liberal democratiche non è di oggi. Ha radici negli Anni ’90, quando il sistema dei partiti in Italia è stato messo sott’accusa dalla società civile. Cosa che è successa anche in Ticino: la Lega di Giuliano Bignasca nacque nel 1991. La contestazione dei partiti tradizionale portò nel 2001 all’introduzione della scheda senza intestazione.
In Italia la crisi del centrosinistra arriva da lontano, sostiene Allegranti: "Matteo Renzi ha solo ereditato un guscio vuoto che prima o poi sarebbe stato destinato a implodere, incapace di rispondere alle domande di cambiamento e al bisogno di protezione dell’elettorato". E la base, gli operai, e persino i sindacalisti hanno cominciato a votare Lega.

cmazzetta@caffe.ch
26.05.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Con il lavoro a maglia
si spiega la finanza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Effetto serra costante
rischio del nostro futuro
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prosegue
la protesta
antigovernativa
in Cile

Come evolve
la crisi
del vulcano
nelle Filippine

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00