Tensione in parlamento sul successore di Buzzini
Immagini articolo
Sul segretario generale
scelta a 'scatola chiusa'
MAURO SPIGNESI


Alla fine sono rimasti in quattro. Ma nell’aula del Gran consiglio per la scelta finale rischia di arrivarne uno solo. E questo non piace a diversi deputati. La corsa per la sostituzione del nuovo segretario generale del parlamento è quasi agli sgoccioli. Il vecchio ufficio presidenziale e quello nuovo hanno effettuato una selezione, valutando una cinquantina di curriculum arrivati quando il 4 marzo è scaduto il termine per la presentazione delle candidature. Si tratta di sostituire Gionata Buzzini che ha lasciato Palazzo delle Orsoline dopo sei anni per andare a fare il segretario generale della Città di Ginevra.
Il vecchio ufficio presidenziale, con Pelin Kandemir Bordoli, e i vice Claudio Franscella e Daniele Caverzasio, aveva già ridotto di parecchio il numero di candidati ad aprile arrivando a otto. Il nuovo ufficio presidenziale, con Franscella e i vice Caverzasio e Nicola Pini, sta invece ancora lavorando per far quadrare il cerchio. Perché in pista, alla fine, sarebbero rimasti appunto in quattro. L’avvocato Alessandro Capelli, direttore della Commissione paritetica dell’edilizia, l’ex municipale socialista di Lugano Nicoletta Mariolini, il consulente giuridico del Gran consiglio Tiziano Veronelli e Giovanni Cavallero, responsabile del Controllo cantonale delle finanze.
Quattro nomi che, per titoli e professionalità, per esperienza e conoscenza delle procedure parlamentari, per molti deputati hanno competenze per ricoprire l’incarico lasciato libero da Buzzini. Un incarico importante che prevede una classe salariale annua che oscilla fra i 120mila e 195mila franchi. Ma sembra che sia in corso un’operazione sottotraccia per portare in aula un solo candidato. Il nome che i deputati sentiti dal Caffè pronunciano con più insistenza è quello di Capelli che sarebbe gradito a una parte del Plrt.
Nulla da dire sulle competenze, spiegano i deputati che si sono rivolti ai loro capigruppo, ma quello che non va è il fatto che non si arrivi in aula con una rosa di nomi. Dai quali poi scegliere quello più adatto per il parlamento, dopo un confronto su qualità e competenze. Soprattutto oggi che si discute di slegare le scelte essenzialmente politiche dalle nomine operative, tecniche, nel segno della separazione dei poteri. Una esigenza sollevata dal giudice Mauro Mini per quanto riguarda le nomine dei procuratori e condivisa da tanti.
E allora, perché anche per il segretario del Gran consiglio i criteri di scelta devono essere quelli politici? Dall’Udc all’Mps, passando per la Lega e il Ppd, si attendono ora le mosse della presidenza del Gran consiglio che probabilmente metterà all’ordine del giorno la votazione a settembre. Questo vuol dire che dopo i necessari passaggi procedurali il Gran consiglio non avrà un nuovo segretario generale prima della fine dell’anno. Ma si teme che la nomina possa essere influenzata in qualche modo da alleanze e trattative per le elezioni federali di ottobre. Un aspetto che fa aumentare il mal di pancia a diversi granconsiglieri. Per ora non c’è alcuna presa di posizione. Soltanto alcune proteste di singoli deputati ai propri capigruppo. Ma il lavoro della diplomazia politica va avanti per trovare una convergenza che ancora sembra non esserci.

m.sp.
16.06.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Con il lavoro a maglia
si spiega la finanza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Effetto serra costante
rischio del nostro futuro
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prosegue
la protesta
antigovernativa
in Cile

Come evolve
la crisi
del vulcano
nelle Filippine

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00