Ultime manovre in vista delle elezioni del 5 aprile 2020
Immagini articolo
E il vento rossoverde
soffia ancora sulle città
CLEMENTE MAZZETTA


Il vento rosso-verde potrebbe soffiare anche sulle elezioni comunali del prossimo aprile, con qualche scossone nei municipi. Senza però modificare eccessivamente la geografia politica delle città. L’effetto maggiore si potrebbe verificare a Mendrisio e a Locarno, dove la sinistra potrebbe raddoppiare. Ma anche a Lugano. Non a Bellinzona dove le fratture nel fronte rosso-verde potrebbero produrre uno scenario del tutto imprevisto.
A Mendrisio, il sindaco Samuele Cavadini (Plrt) cerca la riconferma. Che non dovrebbe essere troppo difficile. Dopo aver spezzato il dominio che durava da 45 anni da parte dei popolari democratici, si trova di fronte un Ppd che non avrà fra i candidati di punta Marco Romano. Sconfitto nel ballottaggio del 2018, dopo il ritiro di Carlo Croci, Romano ha deciso di non essere della partita ma di concentrarsi sulla politica federale. Ma il gruppo del Ppd, che riconfermerà in lista per il Municipio Paolo Danielli e Francesca Luisoni, dovrà faticare non poco per riconfermare il terzo seggio. A contrastarlo troverà di fronte la Lega alleata con l’Udc e l’Udf (che riconferma Daniele Caverzasio) e "l’Alternativa" rosso-verde che presenta una compagine tutta nuova visto il ritiro del municipale ps Giorgio Comi.
Anche a Locarno la riconferma del sindaco, Alain Scherrer, è data per scontata. Non solo perché alle ultime elezioni comunali del 2016 il Plrt si era imposto con un 40%, ma perché gode di un largo consenso. Quello che il Plrt, sceso al 20% alle federali, non ha più. A rischiare con questi risultati non è solo il "partitone" (ex), che ripresenta Davide Giovannacci e, probabilmente, Niccolò Salvioni, ma anche il Ppd. Ancora incerta la candidatura di Paolo Caroni. Sicura invece quella di Giuseppe Cotti in casa popolardemocratica che si presenterà assieme a Montagna Viva. Non dovrebbe aver problemi il candidato della Lega Bruno Buzzini, sostenuto anche dall’Udc. Stando ai dati delle elezioni federali, i rosso-verdi sarebbero oggi il primo partito. Probabile il raddoppio a spese del centro: se così fosse entrerebbe in municipio un socialista e un verde (Pierluigi Zanchi).
La sinistra, che a Locarno e a Mendrisio si presenta unita aumentando le proprie chances, a Bellinzona si divide in tre fazioni. E così il Ps che a ottobre pensava di fare tre seggi grazie a un’intesa con gli ambientalisti e il Partito comunista, dovrà ridimensionare le proprie ambizioni. Gli verrà a mancare l’appoggio decisivo dei Verdi che hanno deciso di correre da soli. Subirà poi a sinistra la concorrenza del Movimento per il socialismo (Mps) e del Partito operaio (Pop). Per Mario Branda la poltrona di sindaco non dovrebbe traballare, visto il grande consenso di cui gode, ma il Municipio potrebbe modificarsi. Con qualche sorpresa, ma è difficile un raddoppio a destra nonostante l’Udc e la Lega si presentino assieme all’ex sindaco Brenno Martignoni (con lui anche Tuto Rossi e Orlando del Don).
Nel Plrt un’assenza che si farà sentire sarà indubbiamente quella di Andrea Bersani. Ma anche nel Ps il ritiro di Roberto Malacrida potrebbe pesare più del dovuto. Si ripresentano ovviamente i due municipali plrt Simone Gianini e Christian Paglia, il ppd Giorgio Soldini e il leghista Mauro Minotti.
A Lugano l’onda "rosso-verde" (Ps-Verdi-Pct) sarà contrastata dal vento della destra (Lega-Udc) che punta a riconfermare Marco Borradori, Michele Foletti e Lorenzo Quadri in Municipio. La Lega pensa di aver blindato la maggioranza grazie all’alleanza con i democentristi. A soffrire, visto il ritiro di Angelo Jelmini, potrebbero essere i popolardemocratici dove il più accreditato per il Municipio è al momento Michel Tricarico assieme a Sara Beretta Piccoli. Il Ppd potrebbe infatti pagare più del dovutola fuoriuscita dal partito di Giovanni Albertini  che si presenterà con "Movimento lavoro ticino",  presieduto da Domenico Barletta ex segretario cantonale del Ppd. Ma anche a sinistra la presenza all’ultimo momento di una lista del Mps e del Pop, con l’entrata di Gerri Beretta Piccoli, potrebbe sparigliare le carte. Il Plrt che si presenterà invece con Michele Bertini e Roberto Badaracco non sembra intenzionato a portare la sfida al calor bianco contro Borradori. Il Ps, ripropone la municipale uscente, Cristina Zanini Barzaghi, mentre i Verdi puntano su Nicola Schoenenberger. A Chiasso infine si ripresenta il sindaco, Bruno Arigoni, assieme alla municipale Sonia Colombo-Regazzoni (Plrt), mentre è in forse Roberta Pantani della Lega. Sicuro Davide Lurati (Ppd), ancora in forse Davide Dosi (Sinistra-Verdi). Ma la situazione è ancora fluida. Fluidissima.
c.m.
22.12.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Con il lavoro a maglia
si spiega la finanza
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Effetto serra costante
rischio del nostro futuro
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prosegue
la protesta
antigovernativa
in Cile

Come evolve
la crisi
del vulcano
nelle Filippine

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00