L'Associazione assaggiatori e i gusti dei consumatori
"Nei formaggi dell'alpe
l'originalità è intatta"
MAURO SPIGNESI


"Ai ticinesi piacciono sempre più i formaggi naturali, quelli poco trattati, dove emerge la genuinità del prodotto", spiega Lara Ambrosetti, presidente dell’Associazione ticinese assaggiatori di formaggi (Atiaf), che ha compiuto tredici anni e nella sua attività ha consegnato circa 250 attestati ad appassionati che hanno frequentato i corsi per assaggiatori (il prossimo, da gennaio a maggio 2021, si svolgerà alla scuola alberghiera di Bellinzona). Chi vuole, dopo l’attestato, può partecipare a un corso ancora più ampio in Italia per diventare "maestro assaggiatore". L’associazione ticinese è stata fondata da Renato Bontognali, tecnico caseario (ora in pensione) che lo scorso anno ha vinto la "Chiocciola" Slow Food, premio che va a chi si impegna per la promozione del territorio.
Con Bontognali, e il gruppo che ha lavorato con lui, l’Atiaf è cresciuta. E ha collaborato a lungo con l’Organizzazione nazionale assaggiatori formaggi (Onaf) italiana, ben presente nelle diverse regioni. "Con loro organizziamo i nostri corsi - aggiunge Lara Ambrosetti - che sono articolati in dieci tappe. Si va dall’approfondimento delle diverse fasi di lavorazione alla tecnica di degustazione, sino all’abbinamento formaggi-vino. Naturalmente una lezione è dedicata ai formaggi ticinesi".
Formaggi che lentamente si sono conquistati uno spazio significativo nel mercato. "Sì perché a parte l’ottima qualità - spiega ancora la presidente dell’Atiaf -, nel consumatore c’è una sempre maggiore sensibilità attorno alla filosofia del chilometro zero, dunque alla valorizzazione della produzione locale. La produzione ticinese, poi, ha toccato livelli notevoli nell’alpe, dove il formaggio ha generalmente meno lattosio e dunque va incontro ai bisogni di chi ha intolleranze. Questo senza tradire il gusto, il legame, forte, con il territorio, con la cultura contadina, la natura e l’economia della montagna". Chiaramente, poi, non tutti i formaggi d’alpe sono Dop (denominazione d’origine protetta), perché non tutti riescono a rispettare i diversi punti del rigido disciplinare per ottenere l’etichetta.
m.sp.
08.09.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il forte "Zar Vladimir"
va indietro nel tempo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brasile: Lula
torna libero
dopo 19 mesi
di carcere

Spagna:
Sanchez
sfida
Vox

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00