Tavola destrutturata, tecno-beauty... Le tendenze del 2020
Immagini articolo
Gli stili si aggrovigliano,
saremo più sostenibili
ROSELINA SALEMI


Che cosa cambia nel 2020? Le tendenze si accavallano nevroticamente, nessuno vuole restare indietro. Il lato positivo è che c’è molta libertà, e tutti possiamo reinventarci. Il lato negativo è che alcune ci travolgeranno: il classic blue, colore Pantone dell’anno, le nuove farine, la tavola destrutturata, la tecno-beauty. Ma almeno l’impegno per la sostenibilità ci farà sentire buoni, anche dopo Natale.

Sostenibilità
È la parola d’ordine un po’ ovunque, ma soprattutto nel lusso che vuole essere etico. Rifiuti di plastica recuperati negli oceani, reti da pesca usate, scarti di fibre tessili e vecchi tappeti rigenerati diventano un filo di nylon: così vedranno la luce le nuove borse di Prada. Il progetto Re-Nylon nasce dall’incontro di con Aquafil, che firma l’Econyl, fibra eternamente riciclabile. Entro la fine del 2022, tanto Prada sarà tanto Econyl. Gucci (gruppo Kering) primo della classe, vuole rendere l’intera catena "carbon neutral" con quattro progetti di riforestazione e arrivare al 100% di energie rinnovabili già l’anno prossimo. Avremo voli aerei "sostenibli", packaging sostenibile, scarpe sostenibili (la tomaia delle sneakers Timberland contiene 6-8 bottiglie di minerale. Adidas impiega la plastica-rifiuto dei mari). Insomma, è l’allarme clima che fa tendenza.

New new normal
Silhouette low profile per la prossima estate. L’ultima versione del new normal è fatta di pulizia e semplicità, pezzi facili che pescano nel passato con una ventata di freschezza. Potremmo definirla "normalità straordinaria", trend che vola da Milano a Parigi. Gucci riparte da candidi abiti che ricordano molto gli Anni ‘90 Céline, con un Hedi Slimane in stato di grazia, cita i ‘70: jeans a zampa, gilet ricamati, maxi bermuda e occhialoni aviator. La signorina di Chanel passeggia sui tetti Parigi in blazer e shorts, giacche a righe, scarpe rasoterra e zero fronzoli (perle e catene assenti) Tendenze? Il tailleur maschile, con tanto di cravatta ha i pantaloni al ginocchio, o più corti, un ritorno degli Anni ’80, e fa capolino la sahariana. Le camicie bianche, ampie, si portano come miniabiti. Un pizzico di jungle non guasta. Il jeans è cool. Gonne slavate, con lo spacco davanti. Ma la cosa più interessante, è l’emergere dell’unicità. Ogni donna è diversa e adesso può scegliere chi essere, dal lungo al corto, dai capelli al make-up. Nessuna è fuori moda, che sollievo.

Beauty tech
Intelligenza artificiale anche nel benessere. Nuove tecnologie stanno cambiando il mercato della cura di sé. A parte gli orologi che misurano il battito, contano i passi e le ore di sonno Rem, la tecnologia sarà la tendenza 2020 nel mondo beauty. Foreo, beauty tech brand svedese con i suoi device coloratissimi che si connettono via wi-fi è già un caso internazionale. Ufo, Luna, Iris (il massaggiatore per il contorno occhi preferito di Paris Hilton ) analizzano la pelle e se ne prendono cura. Andranno di moda strumenti e rituali di bellezza in accordo con le stagioni, come le maschere riscaldate a infrarossi in inverno e quelle fredde per l’estate. Tutto instagrammabile, e cosa non trascurabile, agender.

Food
Cibo a domicilio. Cotto o con tutti gli ingredienti necessari e la ricetta allegata, così non devi pensare alla spesa se vuoi preparare una carbonara. Ma, secondo Whole Foods, il 2020 sarà l’anno delle farine alternative: Teff, senza glutine prodotta da minuscoli semi di un cereale originario del Corno d’Africa. Tigernut (dalle noccioline) di frutta e verdura, come banana e cavolfiore. La soia scende. Salgono miscele che imitano le trame cremose di yogurt e formaggio ottenute con fagioli verdi, semi di zucca, anguria, avocado, o alga clorella dorata. Lo zucchero, il Male, sarà sostituito da riduzioni di frutta (melograno, datteri, l’asiatico monk fruit) sciroppi dolci a base di amidi come sorgo e patate dolci, o swerve, dolcificante non glicemico a zero calorie. Molto trendy i mocktail (cocktail analcolici) pensati per ricreare i classici della mixology ma senza alcol. Il fegato ringrazia.
22.12.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Con il lavoro a maglia
si spiega la finanza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Effetto serra costante
rischio del nostro futuro
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prosegue
la protesta
antigovernativa
in Cile

Come evolve
la crisi
del vulcano
nelle Filippine

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00