function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





La priorità dei partiti che affrontano una crisi d’identità
Immagini articolo
Un'immagine più vera
per il canton Ticino
RENATO MARTINONI


Non giunge la fine di un anno senza che arrivi una domanda tanto scontata quanto inevitabile: come sarà quello che viene? Se è vero, come è vero, che "di doman non c’è certezza", come ricorda una giocosa canzone di Lorenzo de’ Medici ("Quanto è bella giovinezza | che si fugge tuttavia! | Chi vuole esser lieto, sia, | di doman non c’è certezza"), è però giusto che ci si fermi un attimo a guardare indietro, per fare un primo bilancio dell’anno che muore e per riempire il futuro di qualche necessario auspicio. Perché le cose vadano meglio. O meno peggio, a seconda dei punti di vista. Alla domanda: quali saranno le priorità da porre sul tavolo, quali i problemi da risolvere, quali le scommesse da cercare di vincere, per il Cantone Ticino del 2020, viene spontaneo rispondere un’altra volta: la sicurezza del lavoro, il numero dei frontalieri, i premi della cassa malati, l’invecchiamento della popolazione, la questione dei profughi.
Magari c’è chi aggiungerà, a buon diritto, il degrado sociale, la diffusione delle droghe presso fasce d’età sempre piu giovani, le derive incontrollabili dei "sòscial" con tutto il loro contorno di parolacce e di insulti, di false notizie, di chiacchiere inutili, di finti dialoghi tra persone sole. Nessun politico potrà ignorare, nel 2020, la crisi di identità in cui si trovano, e sempre più si troveranno, i vecchi partiti. Malgrado le promesse, i tentativi di rifletterci sopra, la buona volontà di alcuni, che purtroppo si accompagna all’incapacità, alla testardaggine e alla mancanza di visioni di altri, la strada sembra tutta in salita e il tracollo oramai vicino.
Anzi, c’è da ipotizzare che, se non l’anno prossimo, più prima che poi debba succedere un patatracch che non andrà a colpire soltanto una politica priva di ossigeno, e di idee originali, ma tutto un sistema sociale che, come una palafitta, poggia i suoi traballanti sostegni nelle acque tempestose di un’epoca sempre più povera di idee (anche se c’è chi si ostina a riempire i discorsi di parole come "progettualità": immaginarsi…) Lascio ad altri il compito di tratteggiare il Ticino del 2020 e di proporre delle soluzioni ai problemi rimasti sul tavolo: non ultimo quello di un Paese che continua a spartire tutto, nell’ambito pubblico almeno, come se quello che in realtà appartiene a tutti dovesse essere di pochi (pochi e, qui non si fanno eccezioni, fedeli militi dell’uno o dell’altro partito, di quelli tradizionali e di quelli che si presentano come vessilliferi della pulizia e dell’onestà: immaginarsi...). Dovendo indicare un settore in cui il nostro cantone deve impegnarsi, nel 2020, dico senza esitare: quello dell’immagine. Non dell’immagine cara ai santoni della comunicazione. No. L’immagine, complessa e non turistica, di sé. Basta uscire dai confini del Ticino per vedere quanto poco si sappia, di vero e di serio, del Ticino.
Basta parlare con chi, nel Ticino, ha il compito di far conoscere il cantone per avvertire quanta poca esperienza abbia troppe volte di altri mondi, quanto scarsa sia la conoscenza del modo di ragionare e di fare di chi vive intorno a noi e con cui dovremmo interagire. Penso in particolare al resto della Svizzera, ma anche all’Italia del nord. Quanto queste aree ci conoscono per davvero: nel bene e nel male, nelle "eccellenze" e nei difetti secolari che affliggono il nostro paese? Poco. Anzi, pochissimo. Il Ticino non può continuare a essere, com’è nella realtà, un’isola misteriosa per chi lo guarda dall’esterno. E allora, forza, nel 2020 diamoci da fare.
22.12.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00