function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





L'appello delle strutture culturali e storiche del cantone
Immagini articolo
"I nostri piccoli musei
senza turisti sono in crisi"
CLEMENTE MAZZETTA


Aiutateci! L’appello è chiarissimo. Non si può far finta di non averlo letto. Lo lancia il museo di Herman Hesse, a Montagnola. Un piccolo, originale museo sulla vita dello scrittore/filosofo tedesco visitato da un vasto pubblico internazionale. Oltre 12mila ogni anno. "Purtroppo, a causa del Covid, il calo di visitatori è fortissimo. Rischiamo di trovarci con un deficit enorme a fine anno", dice la direttrice Regina Bucher. Stima un calo di presenze dell’80%. Il centro, come tante altre realtà museali del cantone, è gestito da una fondazione privata. Le entrate striminzite di questi primi sei mesi, nonostante il sostegno del Cantone e del Comune, ne stanno mettendo in discussione l’attività. "Non siamo a rischio chiusura - chiarisce Regina - ma abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti".
Come quello di Hesse, anche il piccolo Museo in erba di Lugano dedicato specificatamente ai bambini, naviga in acque burrascose. "In vent’anni abbiamo avuto 150mila visitatori  - spiega  la direttrice Loredana Bianchi -: siamo gli unici in Ticino a proporre mostre dedicate all’infanzia". Oltre al calo di scolaresche e di famiglie, il Museo in erba lamenta uno scarso sostegno pubblico. "Usufruiamo di un aiuto della Città ma non è sufficiente - aggiunge Bianchi -, per questo cerchiamo sponsor, benefattori". Mentre i grandi musei, le grandi fondazioni culturali riescono a reggere alla crisi, le piccole strutture devono stringere i denti. "Ce ne rendiamo perfettamente conto. Per i piccoli musei anche solo far fronte alla normativa anti-Covid, preparare un piano di protezione, sanificare i locali, può essere un problema", fa presente Roland Hochstrasser, responsabile di settore dell’Osservatorio culturale alla Divisione della cultura e degli studi universitari. È stato il caso, ad esempio, del Piccolo Museo della radio e della fotografia di Campo Blenio. "Il museo in sé non mi costa nulla - spiega Mario Giamboni -, ma ho dovuto chiuderlo perché il locale è piccolo e non si potevano ospitare  le scolaresche". È stato invece riaperto il Museo delle dogane di Gandria. Non ha problemi finanziari visto che è di proprietà delle dogane svizzere, ma può accogliere solo 12 visitatori per volta. Ha riaperto anche il Museo della pesca di Caslano: "Ma di visitatori ne abbiamo visti assai pochi", dice Valente Maurizio, il responsabile. La struttura collegata al Museo Etnografico del Malcantone, non ha particolari problemi economici avendo fatto capo agli aiuti disposti dall’ordinanza Covid-cultura. Ma certo patisce il calo di affluenza.
"Le istituzioni culturali, musei compresi, possono far capo al sostegno dell’ordinanza Covid-cultura che prevedono aiuti finanziari immediati, indennità per perdita di guadagno, sostegno anche alle organizzazioni culturali amatoriali", ricorda Hochstrasser. Istituzioni che in Ticino sono moltissime. Un centinaio solo i musei, dai più piccoli ai più grandi, con oltre 300 volontari. "Considerato che molti musei sono al servizio dei flussi turistici, che oltre ad essere in calo sono strutturalmente cambiati causa la diminuzione di stranieri, si capisce che la loro gestione si fa più complicata - conclude Hochstrasser -. Ma si tratta di una realtà importante non solo a fini turistici, anche identitari per il tessuto socio economico. Da difendere". O perlomeno da visitare.
cmazzetta@caffe.ch
11.07.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00