function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Un avocado compensa il viaggio aereo Roma-Mosca
Immagini articolo
Una foresta di opportunità
per un Natale davvero eco
MARINA CAPPA


Per fare un albero ci vuole un seme. E il seme del domani lo si pianta a Natale. Nell’anno in cui lo scambio dei regali è diventato alquanto problematico (ci si vede? come si festeggia? con quale umore si fa shopping?), il dono virtuale ha la meglio. Ma rigorosamente green e sul mercato svizzero c’è solo l’imbarazzo della scelta (vedi sotto). Qualcuno decide così di regalare appunto un albero. A ogni pianta scelta, su zeroco2.eco, viene abbinata l’informazione su quanto quella contribuisca a combattere l’inquinamento: il cedro equivale a 1.260 docce da 6 minuti, l’avocado compensa una andata-ritorno in aereo fra Roma e Mosca...
A proposito di voli, per chi ha l’anima green il primo "sconsiglio" è regalare il voucher di un Flight to nowhere che fa passare qualche ora in aria, magari sfruttando l’occasione di un blind date fra passeggeri single che - chissà - potranno poi sbarcare in coppia. Però l’aereo contribuisce dal 3 al 5% all’inquinamento globale. Meglio, per restare ai mezzi di trasporto, il cofanetto con buono per noleggiare un’auto d’epoca, da usare quando si tornerà a viaggiare: non è particolarmente ecologico ma rappresenta una mobilità slow, preziosa nei tempi a venire. Anche se in tema di slow mobility i veri signori del Natale sono i monopattini, soprattutto in versione lusso.
Un regalo più stanziale, per restare in tema alberi, è un voucher per la potatura dei capelli. Così si chiama l’inziativa dell’81enne Dina Azzolini che a Milano - ma le sue clienti, pandemia permettendo, arrivano dalla Svizzera, dalla Francia, dall’Australia - tratta le chiome femminili e maschili come fossero piante, da potare con cura, senza usare elementi chimici (mai più tinte!), sciacquando via polveri e detriti che inquinano le nostre teste. Chi non rinuncia al dono materiale, sia pur green, trova una ricca sezione "regali ecosostenibili" su Amazon, i cui camion consegne peraltro intasano (e inquinano) le nostre città. C’è persino un miniaccendino usb ricaricabile: è vero che così si risparmia energia, ma collegare il fumo all’ecologia è salto triplo.
È sui bambini però che si gioca la qualità verde del nostro Natale. Le pupazze Mini EcoBuds in tessuti biologici a ogni vendita promettono pure di piantare un albero, i cubetti Geomag puntano sulla plastica riciclata. Sui giochi da tavola l’offerta è completa: sorvolando sull’inquietante Pandemic, che promuove i bambini ad apprendisti epidemiologi, tutta la catena della sostenibilità è rappresentata. Dal Climate Change studiato da una ricercatrice di Cambridge, che premia i giocatori più bravi ad adattarsi alle mutazioni di habitat, al Watergame che insegna a non sprecare l’acqua, fino alla spazzatura ben differenziata, tema del Recycle Rally.
Non dimentichiamo infine che l’ambiente siamo noi e che i regali più umanamente ecologici sono quelli solidali, pacchi dono - alimentari ma non solo - per i più in difficoltà. La Christmas Charity Auction è un’asta solidale dello Ieo, i cui proventi andranno alla ricerca contro il cancro, mentre Eat Me Box è un cesto di prodotti gastronomici o concerti in streaming, che permetterà a Sos Villaggi dei bambini di aiutare i più piccoli. Mentre ai "grandi" in sofferenza è dedicato Dritto&Rovescio dell’associazione 50&Più, cui si può partecipare producendo sciarpe o maglioni, oppure acquistando gomitoli. Per un Natale ecosostenibile, c’è una foresta di opportunità.
19.12.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Falliti gli obiettivi Onu
su sostenibilità e salute
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Anche la pista siriana
dietro la strage di Beirut
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Armenia,
l’opposizione
in piazza
contro il governo

L’omaggio
dei moscoviti
a Boris
Nemtsov

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00