La passione per il nuoto sincronizzato di Jean-Philippe Jel
Immagini articolo
"Sono una libellula
anche senza chignon"
PATRIZIA GUENZI


Costume rosa, asciugamano rosa, tappanaso rosa. A questo punto vi aspetterete di leggere un racconto tutto al femminile. E invece no. Vi stiamo per raccontare la storia di Jean-Philippe Jel, 42 anni, un metro e ottanta per quasi novanta chili di muscoli, baffi, barba, un sorriso contagioso, un figlio e una compagna che lo appoggiano e tanta voglia di spingersi oltre i limiti. In questo caso quelli che fanno pensare tutti noi che il nuoto sincronizzato sia uno sport da femmine. Niente affatto. E Jean-Philippe l’ha dimostrato diventando il primo uomo in Svizzera (attualmente, perché in passato ce ne sono stati altri) a praticare competizioni di nuoto sincronizzato, iscritto al Losanna Nuoto. "Sì, incredibile ma vero, sono diventato una libellula, nuoto e danzo come una ragazzina anche se non ho lo chignon, il tutu e la loro grazia".
La passione per l’acqua di Jean-Philippe risale alla sua infanzia. "Nuoto da sempre - racconta -. Dentro l’acqua, sopra, sotto... Ho fatto di tutto. È un elemento in cui mi trovo a mio agio". Un elemento che però ha messo a dura prova la sua volontà. "Mai avrei pensato che fosse uno sport così duro - riprende -. Ho fatto calcio, corsa, trail... ma il nuoto sincronizzato richiede potenza, rapidità, fiato, resistenza". Due anni di fatiche, sacrifici e sofferenza per riuscire a danzare come una libellula. Per imparare tutte le figure che prevede la disciplina. Che non fa alcuno sconto allo sportivo maschio. "Le figure sono le stesse, anche se un maschio alcune regole può non rispettarle. Ad esempio, le ragazze devono tutte avere lo chignon, se hanno i capelli corti ne mettono uno posticcio. Per fortuna questo a noi non viene richiesto".  
Tentare con il sincro per Jean-Philippe è stata anche una sfida. Era il 2016 e si trovava a bordo piscina, un giorno come un altro. In vasca delle ragazzine si stavano allenando con le tipiche figure del nuoto sincronizzato. "Non ci ho pensato più di tanto - ricorda Jean-Philippe -. Mi sono alzato in piedi e sono andato verso l’allenatrice. Le ho detto che avrei voluto provare anch’io, imparare e diventare bravo in quella disciplina proprio come quelle ragazzine a cui lei stava insegnanto. La docente mi ha squadrato dalla testa ai piedi e mi ha detto ‘ma chi vuole prendere in giro?’". In realtà poi ne parla in comitato del club di nuoto. E la reazione è netta: niente da fare, cosa vuole quel quarantenne? Mescolarsi con le ragazzine? Non se ne parla proprio. Al limite può prendere lezioni private, "ma a pagamento". E così fa, Jean-Philippe. Se pensavano di scoraggiarlo con così poco si sbagliavano di grosso.
Jean-Philippe si impegna, segue le lezioni regolarmente, ascolta attento i consigli dell’allenatrice. "All’inizio mi sembrava di non saper neanche più nuotare - racconta -. Mi sentivo a disagio, non riuscivo a muovermi, ero pesante, goffo, impacciato nel sollevare anche soltanto una gamba". Ma chi la dura la vince. E così Jean-Philippe ce la fa. Nel giro di due anni ha avuto la consapevolezza di essere davvero riuscito ad imparare completamente questa disciplina. Ma si sa, non si finisce mai di imparare. E Jean-Philippe, uno a cui piace andare oltre, non si è fermato al nuovo. Si è messo in testa di diventare medico e lo scorso settembre si è iscritto alla facoltà di medicina dell’Università di Losanna. Un "vecchio" tra seicento ragazzi, "Non mi disturba, sono troppo preso ad imparare tutti i segreti del corpo umano, l’anatomia, la fisiologia...". E imparare è sempre stato il suo forte. Alle spalle diverse esperienze di studio e lavorative. Figlio unico di un militare e di una assistente sociale, genitori rigidissimi che lo vestivano sempre di scuro, dotato negli studi, ha un master in lettere, in scienze dell’educazione e ha un grado militare (capitano). "Tutto ciò per far contento mio padre", commenta andandosene verso lo spogliatoio, con il suo costume rosa, forse per esorcizzare il nero che l’ha accompagnato per tutta la sua giovinezza.

pguenzi@caffe.ch
12.05.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è