Il turismo umanitario di Eliana e Fabrizio Giacomini
Immagini articolo
"Pronti a partire
in modo solidale"
CLEMENTE MAZZETTA


Viaggiare, fotografare, filmare. Alla scoperta di ogni angolo del globo: dall’Africa al Sud America all’Asia. Con una particolarità. Il turismo praticato da Eliana e Fabrizio Giacomini, una coppia che abita in Vallemaggia, a Giumaglio, ha anche un risvolto sociale. Si potrebbe definire turismo umanitario, o solidale. Ovvero, un turismo che unisce l’utile al dilettevole. Per loro significa dare una mano là dove serve e dove possono. "Prima di partire ci informiamo della realtà che incontreremo, delle esigenze di questi Paesi - raccontano -. Due anni fa, ad esempio, prima di partire per l’isola di Lombok e per Giacarta abbiamo raccolto più di 100 chili di materiale scolastico e giocattoli per due orfanotrofi che avevamo contatto in precedenza". E Fabrizio e Eliana si sentono ripagati da quei sorrisi. E questo a loro basta: "La passione per la fotografia e per i viaggi, che ci accomuna ci riempie il cuore".  
In particolare Eliana fin da ragazza era appassionata di fotografia. "Ma allora me l’hanno sconsigliata come professione - dice -. Così me la sono coltivata come hobby". Come avrete capito la coppia è unita dalla stessa passione, che va un po’ al di là del semplice scatto fotografico. Il loro obiettivo è raccontare la gioia e la dignità dei popoli che hanno incontrato, passando dal freddo dei Paesi scandinavi al caldo dell’isola di Pasqua, attraversando l’India dalle mille contraddizioni, sbarcando nelle fascinose isole del Borneo, percorrendo la Birmania (ora Myammar). Camminando per le strade insicure del Nicaragua, spingendosi fin sul confine fra Siria e Iraq, scappando anche a gambe levate per non essere coinvolti in uno dei tanti episodi di violenza. "Praticamente ci manca solo il polo Nord", dicono. Una passione che ha assunto nel tempo una vena filantropica.
Tutto è cominciato nel 2004 con un "viaggio umanitario" in Africa nel Sengal, per documentare l’attività dell’Associazione Ambulatorio Thiemping del dottor Pierluigi Togni di Bellinzona. "Quell’esperienza ci ha colpito - raccontano -. Non solo ha cambiato le nostre abitudini, ma ci ha fatto capire quanto sia importante poter dare voce, immagine e speranza a chi è stato meno fortunato di noi". Un’esperienza che diede loro quel "senso" che poi li accompagnerà nei viaggi successivi. E che caratterizzerà il loro turismo solidale. "Nel 2008 e nel 2009 abbiamo visitato l’India e il Myanmar - aggiunge Eliana -. A Mumbai, la città più popolosa dell’India, siamo stati fermati più volte dalla polizia locale. Ci hanno persino sottoposto ad un interrogatorio". Capirono solo più tardi il perché. I luoghi, e purtroppo le persone che avevamo filmato, furono oggetto nel novembre di quell’anno di una serie di terribili attentati. "Il terrore negli occhi di chi ci sorrise", intitolarono il documentario che avevano realizzato in quei giorni di spensieratezza. Le persone che avevano conosciuto e filmato, fra cui il rabbino, erano morte dilaniate nell’esplosione. In Myanmar andarono alla ricerca della famiglia di un ragazzo birmano che si era rifugiato in Ticino, di cui avevano filmato i saluti. "Visitammo anche un orfanotrofio a Mandalay, che poi aiutammo concretamente".
Nel 2011 in Nicaragua documentarono l’esperienza di Andrea Sartori, volontario per l’Amca, l’associazione di aiuto medico per il centro America di Franco Cavalli. Infine l’ultimo viaggio, nel 2017, in Indonesia, fra Giakarta e l’isola di Lombok. Un’isola che un anno fa è stata devastata da una serie di terremoti. E un loro amico indonesiano  dal nome suggestivo  "Nuvola", che li avverte: gli orfanotrofi che avete visitato e ripreso sono stati danneggiati. "Una notizia che ci ha spronati a darci da fare per sostenere la ricostruzione di alloggi e di aule scolastiche sull’isola". E a programmare un altro viaggio verso quel Paese per il prossimo ottobre, anche se la terra continua a tremare.

cmazzetta@caffe.ch
30.06.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00